Sei in Archivio

Economia

Trimestrale positiva per Iren: utile netto +47,4%

14 maggio 2013, 17:26

Trimestrale positiva per Iren: utile netto +47,4%

Iren chiude il primo trimestre 2013 con un utile netto record in crescita del 47,4% a 81,1 milioni. In calo i ricavi (- 14,9%) a 1.120,7 milioni, compensati da una sforbiciata ai costi (- 22%) che permettono di ottenere un margine operativo lordo (243,7 milioni +27,9%) e risultato operativo (173,3 milioni, +38,9%) in crescita.

Il cda che ha approvato i conti ha convocato l’assemblea il 27 giugno sulla bilancio e la nomina del consiglio. Per l’intero anno il gruppo «conferma le previsioni che, pur influenzate dall’evoluzione dello scenario energetico, dalla normativa di riferimento e dalla stagionalità dei settori di intervento, beneficeranno anche dell’impatto positivo connesso all’entrata in esercizio, nella seconda parte dell’anno, del terminale di rigassificazione di Livorno e del Polo Ambientale Integrato di Parma».

Iren ha proseguito inoltre sulla strada della riduzione del debito, in calo da quattro trimestri: l'indebitamento finanziario netto è sceso a 2.504 milioni (-2% rispetto a fine 2012 e -13,5% rispetto a marzo). Il calo dei ricavi, spiega la nota, «è riconducibile principalmente alla strategia commerciale» che prevede «una maggiore focalizzazione nei segmenti di vendita a clienti microbusiness e retail», strategia che ha avuto anche impatti positivi sull'ebitda.

Sul margine operativo lordo incidono positivamente, oltre al conseguimento delle sinergie programmate, i risultati delle aree di business Generazione e Mercato che migliorano le performance in tutti i settori: energia elettrica, calore e gas. In particolare il contributo all’ebitda della generazione è cresciuto del 23,3% a 89,4 milioni mentre quello dell’area mercato è più che raddoppiato (+114% a 66,6 milioni).

Il 19 giugno è stata convocata un’altra assemblea per approvare le proposte di modifica dello statuto varate dal consiglio d'amministrazione.