Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Colorno, riaperto il portone della Reggia

15 maggio 2013, 22:19

Colorno, riaperto il portone della Reggia

Cristian Calestani
 Il centro storico di Colorno è tornato alla normalità anche grazie ad Alma. La scuola internazionale di cucina, infatti, è stata il principale promotore degli interventi di ristrutturazione e messa in sicurezza che hanno permesso la riapertura del portone della Reggia che si affaccia su piazza Garibaldi ponendo fine a quell’effetto di «paese diviso in due» che aveva contraddistinto per mesi il centro di Colorno dopo i terremoti del gennaio 2012.
A rendere possibile il recupero, nello specifico, è stata un’intesa tra Alma e Provincia di Parma, proprietaria del bene, secondo quanto indicato dalla Soprintendenza ai beni artistici e architettonici e con la collaborazione del Comune di Colorno. L’intervento di messa in sicurezza ha interessato la facciata e il lato ovest della Reggia, incluse le due torri, il fastigio del portone principale e l’obelisco sul lato ovest, mentre al secondo piano troveranno sede nuovi uffici e aule didattiche della scuola.
 «E’ il risultato di una buona collaborazione - ha detto il presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli - l’accordo stipulato con Alma ci ha permesso di raggiungere l’obiettivo nonostante l’esiguità di risorse di cui dispongono gli enti locali e i tagli operati sulle Provincie. Per noi è importante che la scuola abbia spazi idonei per potersi consolidare e proseguire nella strada intrapresa che l’ha portata ad essere un punto di riferimento nel mondo e motore di sviluppo per il territorio». Soddisfazione anche da parte del direttivo di Alma.
«La sinergia tra Alma e Provincia - ha affermato il presidente Enzo Malanca - ha dimostrato concretamente la comune volontà di operare nell’interesse del territorio e della sua comunità superando ostacoli operativi e burocratici che spesso fanno da freno ad interventi che comunque sono di una certa complessità. Grazie a questo lavoro di squadra la Reggia viene restituita al godimento degli abitanti e dei turisti che la vorranno visitare e nel contempo Alma riconferma il suo legame inscindibile con la Reggia». L’amministratore delegato Riccardo Carelli ha inoltre sottolineato che «i nuovi spazi consentiranno di sviluppare ulteriormente quelle attività che in meno di dieci anni di vita hanno permesso ad Alma di affermarsi come un punto di riferimento internazionale nella formazione dei professionisti della ristorazione italiana e nella diffusione dei prodotti della gastronomia Made in Italy». La «Reggia ritrovata» sarà celebrata ufficialmente durante Alma Viva, l’Italian Culinary Festival della scuola in programma tra il 22 e il 24 giugno a Colorno, con un ricco programma di iniziative per festeggiare la nuova vita della sede di Alma.