Sei in Archivio

Economia

Csa, Mondi riconfermato presidente

15 maggio 2013, 12:29

Csa, Mondi riconfermato presidente

Renato Mondi è stato riconfermato presidente del Centro servizi per l’agroalimentare. L’elezione, per acclamazione, è avvenuta durante la prima riunione del nuovo consiglio di amministrazione eletto dall’assemblea dei soci; riconfermato anche Polidoro Scarica nel ruolo di vicepresidente. Il nuovo consiglio d’amministrazione e il nuovo collegio sindacale resteranno in carica per il triennio 2013-2015.
Il Centro servizi per l’agroalimentare rivolge le proprie prestazioni a 113 caseifici della provincia di Parma che rappresentano il 68% dei caseifici ubicati nel territorio provinciale, con un controllo sul 75% del latte trasformato. L’attività è rivolta a caseifici sociali e aziendali oltre che privati, mentre le aziende agricole interessate sono 820. «Negli ultimi tempi - ha puntualizzato Renato Mondi - abbiamo assistito ad un'importante riduzione sia del numero delle aziende che del numero dei caseifici, anche se nell’ultimo anno tale fenomeno sembra essersi in parte attenuato; la produzione di latte è invece aumentata, concentrandosi in stalle di sempre maggiori dimensioni».
La mole di lavoro svolta annualmente dal Centro è pari a 63 mila campioni di latte e di altrettante matrici per un totale di circa 362 mila analisi.
Un servizio importante fornito dallo stesso Centro è legato all’autocontrollo igienico-sanitario degli alimenti ed è rivolto a diverse attività produttive e commerciali tra cui anche alcuni salumifici.
Da alcuni anni, infatti, il Csa ha implementato e sviluppato, grazie all’accreditamento del proprio laboratorio, l’assistenza tecnica ed analitica del «pacchetto alimenti». Per questo motivo c'è in previsione il potenziamento delle strumentazioni e la ricerca di nuovi spazi strutturali.
«Abbiamo acquistato l’Aqualab, strumento tra i più evoluti e precisi per la determinazione della percentuale di acqua libera presente nei campioni di prodotti finiti di origine sia animale che vegetale, e il Vidas, test rapido per la determinazione della presenza/assenza della Listeria monocytogenes effettuato principalmente nei campioni di salumi e di insaccati, oltre che di altri alimenti» ha puntualizzato Mondi che ha proseguito dicendo: «Abbiamo iniziato a valutare l’ipotesi di un trasferimento delle attività del Centro servizi per l’agroalimentare in altre strutture: al momento l’ipotesi più percorribile, anche se non semplice ed estremamente impegnativa soprattutto dal punto di vista economico, potrebbe essere l’utilizzo di una parte dei locali dell’ex burrificio situato all’interno dell’area del Consorzio Agrario di Parma».