Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Bologna, donna si dà fuoco dopo una lite con il compagno

16 maggio 2013, 14:50

BOLOGNA - Una donna di trent'anni si è data fuoco questa mattina a Bologna al culmine di una discussione con il convivente, come lei di origine potentina, di 32 anni. Lui ha tentato di spegnere le fiamme con un estintore. La compagna, che non ha mai perso conoscenza, è ricoverata all’ospedale Maggiore di Bologna, ma non è in pericolo di vita. Le sue condizioni inizialmente erano sembrate gravi al punto da richiedere il ricovero ai grandi ustionati di Parma, ipotesi al momento scartata.

Stando a quanto ricostruito dalla Polizia stamattina nell’appartamento in zona Saffi dove la coppia convive, al culmine di una discussione (non ci sono però denunce per dissidi all’interno della coppia), la giovane avrebbe deciso di andarsene da casa.

Sempre a quanto ricostruito dagli inquirenti, il compagno ha tentato di dissuaderla e sarebbe stato a quel punto che la ragazza ha preso dell’alcol e si è cosparsa e data fuoco. Il ragazzo avrebbe preso un estintore riuscendo così a mitigare parzialmente i danni. Anche l’uomo, che è stato medicato dal 118 ma non è ricoverato, ha fornito una versione coincidente.

Per il procuratore aggiunto Valter Giovannini, delegato per la Procura ai rapporti con la stampa, si tratta «di un fatto drammatico, un gesto autolesivo, ma che al momento non sembra riconducibile ad ipotesi di reato».