Sei in Archivio

Parma

Nuzzo (M5S) e l'assessore Ferraris litigano in Consiglio sul Parma Poesia Festival

16 maggio 2013, 20:31

Nuzzo (M5S) e l'assessore Ferraris litigano in Consiglio sul Parma Poesia Festival

Oggi si è riunito il Consiglio comunale. Fra le delibere in discussione, il regolamento sul canone per l'occupazione di aree pubbliche (molto discussa nella scorsa seduta del Consiglio, poi slittata per arrivare a modifiche condivise), il passaggio dalla Tia alla Tares e modifiche statutarie della Sogeap, la società che gestisce l'aeroporto.

Tutti i dettagli sulla riunione del Consiglio comunale sono sulla Gazzetta di Parma in edicola venerdì 17 maggio

Guarda la seduta in streaming 

Delibera sulla Tares. L'assessore Capelli spiega che le due rate della nuova tassa possono essere pagate nei periodi 1-15 giugno e 1-25 ottobre. In realtà subito dopo Capelli annuncia un emendamento che sposta la prima rata al 16 giugno per motivi tecnici.

Torna la delibera sul regolamento sulla Cosap, che ha spaccato il Consiglio in passato. Il regolamento, che prevede tariffe ridotte per i commercianti, è approvato: la delibera passa con 28 voti favorevoli e due astenuti. Bocciato un emendamento di Maria Teresa Guarnieri (Altra Politica) che voleva l'istituzione di un comitato di saggi che vigilassero sulle tariffe e sui casi più controversi.  

Delibera - Il Patto dei sindaci sull'ambiente: si discute per l'adesione del Comune di Parma. Ampio dibattito sulle questioni legate ad ambiente ed energia. La delibera è approvata con il "sì" dei 29 consiglieri presenti.

Pellacini (Udc) è critico sulla perdita di 650mila euro per il progetto Zero Emission City (Zec) e chiede se sia un errore o una scelta dell'Amministrazione. L'assessore all'Ambiente Gabriele Folli se la prende con i media, che a suo avviso non hanno spiegato correttamente il problema.

Litigio fra Nuzzo (M5S) e l'assessore alla Cultura Laura Ferraris sul Festival del Poesia. Bizzi (Pd) critica la cancellazione del Parma Poesia Festival senza che ne fosse data comunicazione. La Ferraris spiega che «non c'erano le condizioni» per proseguire con la rassegna, dei cui benefici complessivi - fa notare - non è mai stato fatto uno studio. In ogni caso, in commissione si studierà eventualmente una manifestazione diversa.
Mauro Nuzzo, che presiede la commissione Cultura, nel suo intervento fa notare che la commissione stessa non ha mai saputo dell'intenzione dell'assessore di non ripetere il Parma Poesia Festival. Nuzzo attacca: «La commissione non è mai stata coinvolta nelle politiche culturali dell'assessore Ferraris».
L'assessore replica che da Nuzzo non è mai stata fatta una proposta concreta su questo tema e il consigliere risponde alla Ferraris: «Mente sapendo di mentire».

Scarpino (Pd) chiede spiegazioni sul "buco" di bilancio di Asp Ad Personam per 4 milioni di euro. L'assessore Rossi assicura che il disavanzo sarà coperto con le alienazioni previste. Le dimissioni del revisore dei conti, aggiunge la Rossi, sono dovute all'incompatibilità con la carica di commissario del Baistrocchi.

Interviene Elvio Ubaldi (Civiltà Parmigiana): secondo lui il Consiglio comunale che ha dato il via libera di Parma alla nuova governance di Iren non aveva veramente carattere d'urgenza e potrebbero esserci ricorsi per farlo annullare.

Nelle comunicazioni, Ghiretti chiede spiegazioni su alcune voci che ha raccolto relativamente ai rimborsi per i dirigenti Infomobility. L'assessore Capelli ricorda che i rimborsi delle partecipate sono congelati e sono in corso verifiche.

Blitz dei no-termo: seduta sospesa, interviene la polizia municipale

Nicola Dall'Olio, capogruppo Pd, chiede spiegazioni sui tempi di completamento della Scuola Europea e sulle modalità di accesso da via Langhirano: era prevista una rotatoria dei cui lavori non c'è traccia. Dovranno anche essere acquistati arredi, fa notare Dall'Olio. L'assessore all'Urbanistica Michele Alinovi spiega che le dimissioni della commissione di collaudo sono state ritirate il 23 aprile, quindi non ci sono problemi su quel fronte. I lavori hanno un ritardo di 15 giorni che però è recuperabile da parte delle maestranze: il 30 giugno resta quindi la data prevista per il termine dei lavori. Per la rotatoria, dal 2011 in poi ci sono stati problemi fra il Comune e il soggetto attuatore, che doveva farsi carico dell'opera. Se la rotatoria non dovesse arrivare entro settembre, ci sarà un accesso provvisorio dal Campus.

Rispondendo a un'interrogazione del Pd, l'assessore Laura Ferraris spiega che i costi delle manifestazioni del 25 aprile, per il Comune, sono stati di 52.966 euro. Più tardi, presentando un'altra interrogazione, Ghiretti (Parma Unita) ricorderà poi di essere ancora in attesa dei dati sui costi relativi al Regio.