Sei in Archivio

Parma

Pizzarotti a Roma nella delegazione dell'Anci a Palazzo Chigi: "Se il governo mantiene l'Imu, va tutta ai comuni"

16 maggio 2013, 12:31

Pizzarotti a Roma nella delegazione dell'Anci a Palazzo Chigi:

E' iniziato alle 19 a Palazzo Chigi un incontro tra il Governo e l’Associazione Nazionale dei Comuni dedicato all’Imu. La delegazione del Governo è composta dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Patrizio Patroni Griffi, e dal responsabile per le Politiche regionali, Graziano Delrio, ed è atteso a minuti il ministro dell’Economia, Fabrizio Saccomanni.
La rappresentanza dei Comuni è guidata dal presidente facente funzione dell’Anci, Alessandro Cattaneo, coadiuvato, tra gli altri, dal sindaco di Parma Federico Pizzarotti, da quello di Varese, Attilio Fontana e dal primo cittadino di Roma, Gianni Alemanno.

PIZZAROTTI: "L'IMU DOVRA' RESTARE TUTTA AI COMUNI". «Se l’intenzione del Governo è mantenere l’Imu, essendo un'imposta municipale dovrà rimanere interamente a disposizione dei Comuni, e non andare per metà nelle casse dello Stato». Lo ha detto il sindaco Federico Pizzarotti, neo-esponente dell’Ufficio di Presidenza dell’Anci, accingendosi al viaggio a Roma per una convocazione, oggi, dell’organismo in cui si discuterà appunto «di Imu e delle relative, possibili azioni di Governo».
«Servirà un’intesa tra i sindaci – afferma Pizzarotti – mi esprimerò chiarendo che se l’intenzione del Governo è quella di togliere altre risorse ai Comuni, si manderanno all’aria servizi alla persona e Bilancio». La soluzione più vicina agli interessi dei Municipi, conclude, può essere una "revisione" dell’Imu, facendola «rimanere interamente a disposizione dei Comuni».

CATTANEO (ANCI): "L'ANTICIPAZIONE DI CASSA SIA A CARICO DELLO STATO".  «L'anticipazione di cassa per la copertura del mancato gettito sulla prima casa sia completamente a carico dello Stato, compresi gli interessi. Questa è una forte preoccupazione per noi sindaci e nell’incontro di oggi abbiamo chiesto garanzie al governo che però, purtroppo, non ci sono state date, per cui non ci resta che aspettare e vedere cosa verrà deciso domani in Consiglio dei Ministri»: lo ha riferito il presidente reggente dell’Anci Alessandro Cattaneo al termine dell’incontro con il governo. «Da quanto ci è stato detto oggi dai ministri - ha aggiunto Cattaneo - il Consiglio dei ministri di domani comincerà il lavoro per avviare una riforma della fiscalità sui patrimoni locali e su questo fronte ci è stato garantito il coinvolgimento dellAnci». Questo capitolo, ha proseguito il leader dei Sindaci, «verrà completato nei primi 100 giorni di attività del governo, quindi presumibilmente entro luglio potrebbe essere approvato un testo definitivo».