Sei in Archivio

Parma

San Prospero: dopo le alluvioni, i furti - "Fate qualcosa: siamo la frazione dimenticata"

16 maggio 2013, 09:17

San Prospero: dopo le alluvioni, i furti -

Luca Pelagatti

C'è il tabaccaio di via Emilia a cui quindici giorni fa hanno fatto sparire novemila euro di sigarette mentre le stava scaricando dal
furgone («hanno divelto un cancello, distrutto il lunotto del mezzo e rubato il carico in pieno giorno»), la padrona di casa di via
Bernardelli rassegnata dopo la terza visita consecutiva dei ladri («ora lascio pure le chiavi sulla serratura: almeno se vogliono entrare non mi spaccheranno la porta»), il commerciante del centro commerciale «La vela» svaligiato nel cuore della notte («qui su tredici esercizi cinque sono stati derubati: e per fare prima ormai sfondano addirittura i muri dei negozi»).

Benvenuti a San Prospero, l'ultima frazione a est della città. Anzi, per molti di coloro che la vivono, «l'ultima e basta». «Lo scriva: siamo gli ultimi perchè dimenticati», alzano la voce commercianti e residenti. E ognuno aggiunge una tessera di rabbia ad un mosaico di esasperazione.............................Articolo completo sulla Gazzetta di Parma in edicola