Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Citazioni a raffica su Twitter: ecco il nuovo hashtag culturale del professore di Borgotaro

02 settembre 2013, 21:06

Citazioni a raffica su Twitter: ecco il nuovo hashtag culturale del professore di Borgotaro

 

I suoi hashtag culturali riscuotono successo su Twitter. E così Massimo Beccarelli ci ha preso gusto e ha allargato la "famiglia". Oggi ha lanciato l'hashtag #liberidicitare, "parola d'ordine" con la quale il popolo del web ha iniziato a misurarsi a colpi di aforismi.  
Da Oscar Wilde a Walt Whitman, dalla Bibbia ai proverbi africani: nelle prime ore dal lancio da parte dell'insegnante di italiano di Borgotaro, alcune decine di suoi follower e non solo hanno condiviso con il pubblico le loro frasi preferite.
Questa volta l'ispirazione nasce semplicemente dal fatto che, spiega Beccarelli, le persone amano citare frasi di personaggi famosi: «Ho pensato che si potesse fare una piccola biblioteca virtuale. Io ho scritto una frase di Oscar Wilde, che penso dica una grande verità». La citazione era questa: «L'esperienza è il tipo di insegnante più difficile. Prima ti fa l'esame, poi ti spiega la lezione. #Wilde». «A volte nella vita succedono cose che... solo dopo se ne capisce l'insegnamento», spiega Beccarelli.
Altre citazioni postate su Twitter nelle prime ore?
«Quando il sole della cultura è basso i nani hanno l'aspetto dei giganti. #KarlKraus», «Quando gli elefanti combattono è sempre l'erba a rimanere schiacciata. Proverbio Africano», «Nel momento in cui ti soffermi a pensare se ami o no una persona, hai già la risposta. (Carlos Ruiz Zafón)», «Chi vive nella paura non sarà mai libero. -Orazio-». Non manca chi ai poeti e agli scrittori preferisce i cantanti, nel caso specifico gli Aerosmith, con una frase tratta dalla colonna sonora del film hollywoodiano “Armageddon”: «I could stay awake just to hear your breathing... watch you smile while you're sleeping" -Aerosmith».
Beccarelli sta continuando a monitorare ##CulturanegliAccountPopolari, #classicidaleggere e #iversicheamo, che continuano ad essere utilizzati. Per sostenere la causa della cultura nell'oceano dei bytes.

 #CulturanegliAccountPopolari: segui l'andamento dell'hashtag in tempo reale