Sei in Archivio

Quartieri-Frazioni

Una via per Pierino Santini: da garzone a imprenditore

30 settembre 2013, 01:40

Una via per Pierino Santini: da garzone a imprenditore

Margherita Portelli

Tra il via vai di un quartiere artigianale, dove ogni giorno la produttività si fa tangibile, ora c’è via Pierino Santini. 
È andata  in scena ieri la cerimonia di intitolazione della nuova strada, nei pressi di via Burla, dedicata all’imprenditore scomparso 14 anni fa, che nel 1953 fondò la Rubinetteria Parmense, florida azienda che taglia quest’anno il traguardo delle sessanta candeline.
Alla presenza  di rappresentanti di tutte le più importanti associazioni legate all’imprenditoria e all’artigianato (Upi, Apla Confartigianato, Gia, Cna), il figlio Sergio e l’assessore al Bilancio, Marco Ferretti, hanno scoperto il cartello con il nome di Pierino Santini. 
«Da docente  di economia aziendale è un onore per me poter parlare della vita di un uomo che da garzone è diventato imprenditore, mettendo in piedi una realtà così duratura e importante» - ha commentato Ferretti. 
In rappresentanza  della famiglia e dell’azienda,  il figlio Sergio ha poi ricordato la figura del padre: «Ha sempre vissuto per due sole ragioni: la famiglia e l’impresa. Desidero dire grazie a tutte le persone che hanno reso possibile questo momento, a partire dall’ex presidente del quartiere San Leonardo, Mario Cesari, che ha avanzato l’idea e portato avanti il progetto dell’intitolazione di questa via a mio padre». 
Anche  don Francesco Rossolini, prima della benedizione, ha voluto ricordare «il grande insegnamento di un uomo, da apprezzare, e magari anche da seguire». 
Pierino Santini mosse i primi passi nel mondo del lavoro come garzone in una salumeria, e poi come operaio, in un primo momento alla Rubinetterie Poletti e poi alle Pompe Robuschi.
 Nel 1953  si mise in proprio, e per i successivi 45 anni contribuì alla crescita dell’azienda. 
Nel 1991 la Camera di Commercio di Parma lo premiò per la sua fedeltà al lavoro con una medaglia d’oro, e nel 1992 gli venne conferita l’onorificenza di cavaliere al merito della Repubblica italiana. 
«L’obiettivo  raggiunto oggi deve essere lo stimolo per il miglioramento di domani» - amava ripetere Pierino Santini. Forte di questa convinzione, collezionò una serie di grandi risultati che ieri hanno portato all’ultima, grande soddisfazione. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA