Sei in Archivio

Provincia-Emilia

San Secondo - Silvia Cerocchi analizza i castelli dei Rossi

16 ottobre 2013, 23:47

San Secondo - Silvia Cerocchi analizza i castelli dei Rossi

SAN SECONDO - Nella suggestiva cornice della Sala degli Stucchi della Rocca dei Rossi, su iniziativa del Comune, è stato presentato il volume «I castelli dei Rossi nel Parmense» dell’archeologa medesanese Silvia Cerocchi. Come spiegato dall’assessore alla Cultura Ketty Pellegrini è stato il primo appuntamento, di quattro, inseriti ella rassegna «Autunno letterario in biblioteca» che quest’anno ha come argomento «Donne che raccontano». Nel rivolgere un ringraziamento alla cooperativa Everelina, che insieme all’amministrazione ha organizzato l’iniziativa culturale, ha avuto parole di elogio per Silvia Cerocchi per l’importante apporto dato con la sua presenza. A sottolineare quindi l’importanza culturale della rassegna e dell’evento è stata la responsabile della biblioteca comunale Elisa Bertuccioli. Il vicesindaco Andrea Maranzoni, nel suo intervento, ha  sottolineato l’importanza dei Rossi non solo per la storia del comune di San Secondo ma con la sua Rocca, ma di un’intera nazione. Ha rivendicato la «sansecondinità» di Pier Maria Rossi e della sua nobile famiglia, che nella Rocca di San Secondo hanno vissuto e operato. Ad illustrare i contenuti del volume è stato il professor Gianluca Bottazzi, già docente di Storia degli Insediamenti tardo antichi e medioevali all’Università di Parma. Il professor Bottazzi ha sottolineato l’unicità del volume che raccoglie in modo analitico e dettagliato le vicende storiche di tutti i castelli appartenuti alla famiglia dei Rossi. Ha evidenziato le novità di questa ricerca storica-archeologica «vissuta» sul territorio alla lettura delle strutture rossiane, molte delle quali sono ridotte oggi a ruderi. Nonostante non sia stato possibile indagare con scavi l’autrice è riuscita a leggere in quelle strutture, mura e resti notizie che altri fino ad oggi non erano riusciti. Interessante lo studio sui «villani» fedeli alla famiglia dei Rossi comparando gli estimi del 1415 e del 1462: quest’ultimo fonte inedita. Un’altra importante scoperta è avere evidenziato che le raffigurazioni della Camera d’oro del castello di Torrechiara sono realistiche e fotografiche per i castelli mentre per i borghi sono state semplificate. Dopo l’intervento dell’autrice, che ha spiegato le motivazioni della sua ricerca augurandosi che possa favorire ulteriori studi, si è aperto il dibattito con diversi interventi per approfondire alcuni aspetti inerenti all’argomento. L’incontro si è chiuso con la donazione a Silvia Cerocchi e a Gianluca Bottazzi, da parte dell’Amministrazione comunale di San Secondo di un importante volume sulla storia del paese. Il libro della Cerocchi, edito da Toriazzi, è possibile prenotarlo in biblioteca a San Secondo. Prossima presentazione, sabato 26 ottobre, alle 17, al Museo Mondo Piccolo a Fontanelle a cura dell’Amministrazione comunale di Roccabianca. P. P.