Sei in Archivio

Arte-Cultura

Khellendrox, il viaggio fantasy tra guerrieri e chierici

28 ottobre 2013, 16:41

Khellendrox, il viaggio fantasy tra guerrieri e chierici

 Damiano Ferretti

E’ un insolito viaggio fra guerrieri, chierici, poteri magici e malvagità. E poi ci sono, nemici da combattere, viaggi da affrontare e tanti amici da trovare perseguendo, nel contempo, un obiettivo preciso: portare avanti una lotta sfrenata per raggiungere l’ambito oggetto del desiderio.
 Si snoda attorno a queste tematiche tipicamente fantasy, il libro scritto dal parmigiano Marco Boni, classe 1970, che lavora come impaginatore grafico e web alla Gazzetta di Parma. «Khellendrox», oltre a dare il titolo al libro, è il nome del personaggio che Boni interpreta in questi giochi di ruolo (che pratica fin dal 2003, insieme ad un gruppo di amici): è un potente nano chierico, burbero e tenace, che viene via via coinvolto in molteplici avventure in compagnia di Alartes, Alak e altre creature incontrate durante il suo viaggio, intrapreso per ricercare un pericoloso artefatto. Per la sua prima fatica letteraria - presentata al Circolo Arci Golese di Baganzola insieme al giornalista della Gazzetta di Parma, Gabriele Balestrazzi -, l’autore ha deciso di avvalersi della propria esperienza sul «campo»: l’idea del libro nasce, infatti, da «un gioco di ruolo» dove ogni giocatore assume il ruolo di un personaggio in una specifica ambientazione narrativa. «Durante il gioco ho tenuto, insieme ad altri amici, un diario in cui ho annotato ciò che accadeva - ha spiegato l’autore -: da queste annotazioni ho preso spunto per “Khellendrox” che assume pian piano le sembianze di un guerriero che vive per vendicarsi della tragica morte del padre». «Questo libro - ha sottolineato Gabriele Balestrazzi - riesce ad assorbire molti aspetti della nostra vita reale e, inoltre, mi ha riconciliato con il genere fantasy: mi è piaciuto il clima e la storia che rispecchiano la personalità di Marco, un uomo con un raro spirito di squadra che in 35 anni di lavoro ho visto davvero in poche persone». Il fantasy scritto da Boni (136 pagine, in vendita sul portale Lulu.com) ha un ambientazione nel mondo orientale mentre la storia prende il via nel 1346, in piena epoca medievale. Al termine della presentazione, il numeroso pubblico, che ha gremito la sala del circolo, è rimasto in compagnia dell’autore, durante una gustosa apericena mediterranea.