Sei in Archivio

Privacy

Lightbeam, un «radar» contro gli spioni

Uno strumento da "Grande Fratello"

16 novembre 2013, 21:15

 

La miniera d’oro di internet sono i dati che ogni giorno, volenti o nolenti, in fondo accettiamo di condividere con un Grande fratello, che non ha necessariamente il volto di occulte agenzie governative, ma più comunemente quello di ricerche di carattere commerciale su cui alla fine si basa molta della ricchezza dell’economia del web. Quando navighiamo su un sito, anche senza saperlo, quasi sempre veniamo tracciati e, un clic di qua, un clic di là, tutto concorre a creare una preziosa carta d’identità invisibile che racconta le nostre abitudini e i nostri gusti in modo che, per esempio, una determinata pagina ci accolga non con pubblicità qualsiasi, ma personalizzate. Esistono dei sistemi per sapere a che livello e da parte di chi queste informazioni vengono monitorate. Uno dei programmi più interessanti è Lightbeam. Per funzionare - come un radar - si appoggia al browser open-source Firefox di Mozilla, mostrando anche visivamente la ragnatela di connessioni che scaturisce visitando un sito. Oltre alla mappa degli scambi in tempo reale, si possono esaminare più in generale quelli relativi alle ultime 24 ore e la lista dei più «osservati».R. A.
La miniera d’oro di internet sono i dati che ogni giorno, volenti o nolenti, in fondo accettiamo di condividere con un Grande fratello, che non ha necessariamente il volto di occulte agenzie governative, ma più comunemente quello di ricerche di carattere commerciale su cui alla fine si basa molta della ricchezza dell’economia del web. Quando navighiamo su un sito, anche senza saperlo, quasi sempre veniamo tracciati e, un clic di qua, un clic di là, tutto concorre a creare una preziosa carta d’identità invisibile che racconta le nostre abitudini e i nostri gusti in modo che, per esempio, una determinata pagina ci accolga non con pubblicità qualsiasi, ma personalizzate. Esistono dei sistemi per sapere a che livello e da parte di chi queste informazioni vengono monitorate. Uno dei programmi più interessanti è Lightbeam. Per funzionare - come un radar - si appoggia al browser open-source Firefox di Mozilla, mostrando anche visivamente la ragnatela di connessioni che scaturisce visitando un sito. Oltre alla mappa degli scambi in tempo reale, si possono esaminare più in generale quelli relativi alle ultime 24 ore e la lista dei più «osservati».R. A.