Sei in Archivio

medesano

Medesano verso la Nuova parrocchia:il vescovo incontra la comunità

26 novembre 2013, 10:08

Medesano verso la Nuova parrocchia:il vescovo incontra la comunità

 

Giuseppe Labellarte
Il vescovo di Parma, monsignor Enrico Solmi, ha incontrato a Medesano, molte delle realtà che compongono la «Nuova parrocchia», la grande comunità nata dal riassetto della diocesi di Parma che mette in relazione le parrocchie di Medesano, Miano, Felegara, Sant’Andrea Bagni, Santa Lucia, Varano Marchesi, Roccalanzona e Visiano. 
Realtà una volta autonome che, da qualche mese, stanno cominciando a collaborare per diventare un’unica grande famiglia. Durante l’incontro il vescovo ha parlato ai presenti illustrando quelle che sono le linee guida che hanno portato alla stesura del piano pastorale della Nuova parrocchia». 
Monsignor Solmi, dopo alcuni momenti di preghiera e riflessione ha introdotto quello che è il significato del piano pastorale, il cui titolo «Credere ci impegna», è un’esortazione a seguire l’impegno quotidiano che è alla basa della fede cristiana. Durante la serata il vescovo ha poi dialogato con i parroci, i membri del servizio ministeriale e del consiglio degli affari economici della Nuova Parrocchia, e con i tanti educatori e catechisti attivi all’interno delle associazioni presenti nei territori coinvolti. Le difficoltà maggiori emerse dai mesi seguenti alla riorganizzazione della diocesi hanno riguardato principalmente la capacità di adattarsi al nuovo contesto di comunità e la necessità di abbandonare vecchie abitudini e visioni territoriali, assumendo linee comuni per tutte le parrocchie e le realtà coinvolte. A questo proposito Monsignor Solmi ha spiegato: «Operare insieme è come essere tanti fili di una corda, che si danno sostegno e si rinforzano a vicenda. All’interno della comunità dobbiamo agire come all’interno di una famiglia. Nessuno deve essere escluso, dobbiamo creare un clima accogliente per tutti, che permetta di far nascere nuove relazioni». 
Il parroco di Medesano don Gianni Torri, che ha ospitato l’incontro all’interno della sala «Baratta», al temine della serata, dopo aver ringraziato monsignor Solmi per la sua partecipazione all’incontro, ha invitato i presenti a riflettere sulle parole del vescovo e sugli importanti concetti espressi, fondamentali per crescere insieme come un’unica grande comunità. 
Giuseppe Labellarte

Il vescovo di Parma, monsignor Enrico Solmi, ha incontrato a Medesano, molte delle realtà che compongono la «Nuova parrocchia», la grande comunità nata dal riassetto della diocesi di Parma che mette in relazione le parrocchie di Medesano, Miano, Felegara, Sant’Andrea Bagni, Santa Lucia, Varano Marchesi, Roccalanzona e Visiano. Realtà una volta autonome che, da qualche mese, stanno cominciando a collaborare per diventare un’unica grande famiglia. Durante l’incontro il vescovo ha parlato ai presenti illustrando quelle che sono le linee guida che hanno portato alla stesura del piano pastorale della Nuova parrocchia». Monsignor Solmi, dopo alcuni momenti di preghiera e riflessione ha introdotto quello che è il significato del piano pastorale, il cui titolo «Credere ci impegna», è un’esortazione a seguire l’impegno quotidiano che è alla basa della fede cristiana. Durante la serata il vescovo ha poi dialogato con i parroci, i membri del servizio ministeriale e del consiglio degli affari economici della Nuova Parrocchia, e con i tanti educatori e catechisti attivi all’interno delle associazioni presenti nei territori coinvolti. Le difficoltà maggiori emerse dai mesi seguenti alla riorganizzazione della diocesi hanno riguardato principalmente la capacità di adattarsi al nuovo contesto di comunità e la necessità di abbandonare vecchie abitudini e visioni territoriali, assumendo linee comuni per tutte le parrocchie e le realtà coinvolte. A questo proposito Monsignor Solmi ha spiegato: «Operare insieme è come essere tanti fili di una corda, che si danno sostegno e si rinforzano a vicenda. All’interno della comunità dobbiamo agire come all’interno di una famiglia. Nessuno deve essere escluso, dobbiamo creare un clima accogliente per tutti, che permetta di far nascere nuove relazioni». Il parroco di Medesano don Gianni Torri, che ha ospitato l’incontro all’interno della sala «Baratta», al temine della serata, dopo aver ringraziato monsignor Solmi per la sua partecipazione all’incontro, ha invitato i presenti a riflettere sulle parole del vescovo e sugli importanti concetti espressi, fondamentali per crescere insieme come un’unica grande comunità.