Sei in Archivio

Fidenza

Promuovere con gusto la propria salute

Venerdì 29 novembre, l'incontro pubblico “Star bene in cucina” organizzato dall'Azienda USL

26 novembre 2013, 16:38

 

Cucinare aumenta l’autostima e ci fa sentire efficaci. E’ una “terapia dolce” utile per distrarci, per aumentare la manualità, allontanare i pensieri tristi e dare sfogo alla creatività. A partire da questi presupposti, ormai due anni fa, è nato il progetto “Star bene in cucina”, che vede impegnato un gruppo di 10-15 persone seguite dal Centro di Salute Mentale di Fidenza e che continuerà anche nel 2014.
Si tratta di un corso di cucina tenuto da Lena Tritto (consulente alimentare secondo la Medicina cinese, insegnante di cucina di casa, docente di Scuolatao di Bologna) che si svolge nei locali della Mensa Caritas di Fidenza.
“Il cibo e il cucinare sono elementi importanti  per chi  vuole prendersi cura di sé e promuovere il proprio benessere. Acquisire  certe competenze  è fondamentale in ogni  percorso di autonomia – spiega Roberta Panizza educatrice del Centro di Salute Menale dell’AUSL, distretto di Fidenza - Cucinare per sé e per gli altri è un atto di accudimento che non comincia davanti ai fornelli, ma molto prima, nella mente di chi decide di concepire un piatto e di realizzarlo. Cucinare con e per l'altro è una terapia utile per allontanare la depressione, per reintegrarsi,  festeggiare, ... Cucinare è fatica e quindi è anche un atto di generosità." 
Di tutto questo e dell’esperienza fatta finora, si parlerà nel corso dell’incontro pubblico organizzato dall’Azienda USL venerdì 29 novembre all’Associazione Culturale Amici della Vecchia Talpa (via Gramsci n. 39, Fidenza). A partire dalle 18, dopo alcune letture a cura dell’Associazione Fuori di Teatro, interviene Lena Tritto. E’ offerto un aperitivo preparato dai partecipanti al corso. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con Associazione Culturale Amici della Vecchia Talpa e Fuori di Teatro.
L’evento rientra nella rassegna 2013 “La Salute della Salute Mentale”.
Cucinare aumenta l’autostima e ci fa sentire efficaci. E’ una “terapia dolce” utile per distrarci, per aumentare la manualità, allontanare i pensieri tristi e dare sfogo alla creatività. A partire da questi presupposti, ormai due anni fa, è nato il progetto “Star bene in cucina”, che vede impegnato un gruppo di 10-15 persone seguite dal Centro di Salute Mentale di Fidenza e che continuerà anche nel 2014.Si tratta di un corso di cucina tenuto da Lena Tritto (consulente alimentare secondo la Medicina cinese, insegnante di cucina di casa, docente di Scuolatao di Bologna) che si svolge nei locali della Mensa Caritas di Fidenza.
“Il cibo e il cucinare sono elementi importanti  per chi  vuole prendersi cura di sé e promuovere il proprio benessere. Acquisire  certe competenze  è fondamentale in ogni  percorso di autonomia – spiega Roberta Panizza educatrice del Centro di Salute Menale dell’AUSL, distretto di Fidenza - Cucinare per sé e per gli altri è un atto di accudimento che non comincia davanti ai fornelli, ma molto prima, nella mente di chi decide di concepire un piatto e di realizzarlo. Cucinare con e per l'altro è una terapia utile per allontanare la depressione, per reintegrarsi,  festeggiare, ... Cucinare è fatica e quindi è anche un atto di generosità." 
Di tutto questo e dell’esperienza fatta finora, si parlerà nel corso dell’incontro pubblico organizzato dall’Azienda USL venerdì 29 novembre all’Associazione Culturale Amici della Vecchia Talpa (via Gramsci n. 39, Fidenza). A partire dalle 18, dopo alcune letture a cura dell’Associazione Fuori di Teatro, interviene Lena Tritto. E’ offerto un aperitivo preparato dai partecipanti al corso. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con Associazione Culturale Amici della Vecchia Talpa e Fuori di Teatro.L’evento rientra nella rassegna 2013 “La Salute della Salute Mentale”.