Sei in Archivio

VIOLENZA

Donne aggredite: 110 casi di lesioni nel 2013

Anche un omicidio e 16 violenze sessuali

28 novembre 2013, 08:15

 

FEMMINICIDIO ANCHE UN OMICIDIO E SEDICI VIOLENZE SESSUALI
Donne aggredite: 110 casi di lesioni nel 2013
I dati nella nostra provincia e i nuovi strumenti
introdotti dalla legge per prevenire il fenomeno
Luca Pelagatti
II Per ventiquattro ore non si è
parlato d'altro. E la giornata contro
la violenza alle donne ha monopolizzato
l'attenzione di tutti.
Poi, spenti i riflettori, si è tornati
alla routine. Fatta di vite spezzate,
difficili percorsi giudiziari, storie
che un tempo sono state d'amore.
E ora fanno paura.
Il femminicidio, la violenza sulle
donne: temi purtroppo sempre
attuali. E a ribadirlo sono i numeri.
Un omicidio, centodieci casi di
lesioni, sedici violenze sessuali, tre
sequestri di persona. Questi in
estrema sintesi le cifre che raccontano
la sopraffazione degli uomini
sulle donne nella nostra provincia.
E sia chiaro, in poco tempo:
meno di un anno, per la precisione
dal primo gennaio al 24 ottobre
scorso.
A riferirlo le cifre fornite dalla
questura che ha elaborato i dati
forniti dalle forze dell'ordine. Per
un quadro che spaventa.
Eppure qualche timido segnale
positivo si avverte: e a spiegarlo
sono proprio gli operatori della
polizia di Stato che questi fenomeni
monitorano giorno per giorno.
Cercando di prevenire i drammi.
«La nuova legge, la 119, che è
entrata in vigore di recente, ha
introdotto nuovi strumenti e mutato
alcune procedure. La speranza
è che possano servire a prevenire
le situazioni più drammatiche
Luca Pelagatti

 

(...) .Un omicidio, centodieci casi di lesioni, sedici violenze sessuali, tre sequestri di persona. Questi in estrema sintesi le cifre che raccontano la sopraffazione degli uomini sulle donne nella nostra provincia.E sia chiaro, in poco tempo:meno di un anno, per la precisione dal primo gennaio al 24 ottobre scorso.

A riferirlo le cifre fornite dalla questura che ha elaborato i dati forniti dalle forze dell'ordine. Per un quadro che spaventa.Eppure qualche timido segnale positivo si avverte: e a spiegarlo sono proprio gli operatori della polizia di Stato (...) "La nuova legge, la 119, che è entrata in vigore di recente, ha introdotto nuovi strumenti e mutato alcune procedure. La speranza è che possano servire a prevenire le situazioni più drammatiche"................................Articolo completo sulla Gazzetta di Parma in edicola

Guarda il servizio del TgParma