Sei in Archivio

delitto

Omicidio di Gouesh: Croci resta ai domiciliari

29 novembre 2013, 07:44

Omicidio di Gouesh: Croci resta ai domiciliari

 

L'operaio è stato condannato in secondo grado a 13 anni e 8 mesi per aver ucciso e sepolto la donna nel 2011. Si attende la Cassazione
Delitto di Gouesh, Croci resta ai domiciliari
La Corte d'assise d'appello
conferma la misura:
all'uomo concessa anche
la possibilità di lavorare
II Ogni giorno è buono per avere
la data dell'udienza in Cassazione,
il terzo grado di giudizio che
deciderà definitivamente il destino
di Enrico Croci. Ma intanto
al 48enne che nel 2011 sparò a
Gouesh Woldemichael Gebrehiwot
e ne seppellì il corpo in una
buca a Mariano di Pellegrino sono
stati confermati gli arresti domiciliari
che gli erano stati concessi
a marzo e poi revocati dopo
il ricorso del procuratore generale.
A stabilire che Croci possa
restare ad attendere la sentenza
definitiva nella casa di Varano Melegari dove vive con la
madre, è stata la Corte d'Assise
d'Appello di Bologna.

 

 Ogni giorno è buono per avere la data dell'udienza in Cassazione, il terzo grado di giudizio che deciderà definitivamente il destino di Enrico Croci. 

Ma intanto al 48enne che nel 2011 sparò a Gouesh Woldemichael Gebrehiwot e ne seppellì il corpo in una buca a Mariano di Pellegrino sono stati confermati gli arresti domiciliari che gli erano stati concessi a marzo e poi revocati dopo il ricorso del procuratore generale.A stabilire che Croci possa restare ad attendere la sentenza definitiva nella casa di Varano Melegari dove vive con la madre, è stata la Corte d'Assise d'Appello di Bologna.........................Articolo completo sulla Gazzetta di Parma in edicola