Sei in Archivio

gas killer

E' fuori pericolo la famiglia intossicata. Salvo anche il gatto

30 novembre 2013, 08:21

E' fuori pericolo la famiglia intossicata. Salvo anche il gatto

 

Sono fuori pericolo e sono stati dimessi i due giovano coniugi, residenti nel Modenese e la loro bimba di soli due mesi, rimasti gravemente intossicati dal monossido di carbonio, fuoriuscito da una caldaia a gas e salvati grazie ai sintomi che presentava il loro gatto. 
Il micio infatti aveva la bava alla bocca e manifestava strani comportamenti, miagolando in modo anomalo e talmente forte da svegliare la coppia.
Così i coniugi hanno capito che c'era qualcosa che non andava e hanno appena fatto in tempo a chiedere aiuto, prima di perdere conoscenza. Adesso stanno meglio. E anche il micio si è salvato. 
Il gatto, essendo di taglia piccola, si è intossicato prima dei suoi padroni e questo ha salvato loro, la vita. 
Madre, padre e figlioletta, erano arrivati all'ospedale di Vaio, intubati e in stato comatoso, con valori molto elevati di avvelenamento nel sangue. 
Dopo il trattamento di ossigenoterapia nella Camera iperbarica di Vaio, le condizioni dei tre intossicati, che nel frattempo avevano ripreso i sensi, erano andate gradatamente migliorando. 
Un’altra giovane marocchina è arrivata ieri all’ospedale di Fidenza da Fiorenzuola, dopo essere rimasta intossicata dalle esalazioni venefiche fuoriuscite da una caldaia a gas. 
Anche per lei si è reso necessario il trattamento di ossigenoterapia. Adesso è stata dichiarata fuori pericolo. 
Mentre un giovane operaio, residente nel pavese, è rimasto intossicato in modo grave, mentre stava lavorando in un capannone che si è saturato di monossido di carbonio. Arrivato in gravi condizioni alla Camera iperbarica dell’ospedale fidentino, è stato sottoposto a trattamento di ossigenoterapia. Anche lui è stato salvato dall'ossigenoterapia.s.l. 
Sono fuori pericolo e sono stati dimessi i due giovano coniugi, residenti nel Modenese e la loro bimba di soli due mesi, rimasti gravemente intossicati dal monossido di carbonio, fuoriuscito da una caldaia a gas e salvati grazie ai sintomi che presentava il loro gatto. Il micio infatti aveva la bava alla bocca e manifestava strani comportamenti, miagolando in modo anomalo e talmente forte da svegliare la coppia.Così i coniugi hanno capito che c'era qualcosa che non andava e hanno appena fatto in tempo a chiedere aiuto, prima di perdere conoscenza. Adesso stanno meglio. E anche il micio si è salvato. Il gatto, essendo di taglia piccola, si è intossicato prima dei suoi padroni e questo ha salvato loro, la vita. Madre, padre e figlioletta, erano arrivati all'ospedale di Vaio, intubati e in stato comatoso, con valori molto elevati di avvelenamento nel sangue. Dopo il trattamento di ossigenoterapia nella Camera iperbarica di Vaio, le condizioni dei tre intossicati, che nel frattempo avevano ripreso i sensi, erano andate gradatamente migliorando. Un’altra giovane marocchina è arrivata ieri all’ospedale di Fidenza da Fiorenzuola, dopo essere rimasta intossicata dalle esalazioni venefiche fuoriuscite da una caldaia a gas. Anche per lei si è reso necessario il trattamento di ossigenoterapia. Adesso è stata dichiarata fuori pericolo. Mentre un giovane operaio, residente nel pavese, è rimasto intossicato in modo grave, mentre stava lavorando in un capannone che si è saturato di monossido di carbonio. Arrivato in gravi condizioni alla Camera iperbarica dell’ospedale fidentino, è stato sottoposto a trattamento di ossigenoterapia. Anche lui è stato salvato dall'ossigenoterapia.s.l. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA