Sei in Archivio

Fornovo

Gli studenti del Gadda dal Papa

«Che emozione vedere Francesco»

01 dicembre 2013, 20:48

Gli studenti del Gadda dal Papa

 

Donatella Canali
Gli studenti del Gadda di Fornovo hanno partecipato alla tradizionale udienza generale in piazza San Pietro con Papa Francesco, nel segno del rispetto per l'ambiente e per la natura, due temi cari anche a Bergoglio. E il 14 dicembre, nell'ambito dell'iniziativa «Scuola aperta», nel giardino dell'istituto sarà piantato un piccolo albero di noce, a simbolo della salvaguardia del Creato, arricchirà a breve la scuola.
 L’istituto ha infatti partecipato al progetto proposto dalla Fondazione «Sorella Natura» e  rivolto a tutte le scuole: un’iniziativa di formazione e di sensibilizzazione sui temi ambientali, che comprendeva anche la partecipazione all’udienza papale, in Piazza San Pietro. 
Una meta non casuale vista l’attenzione rivolta da Papa Francesco, fin dai primi discorsi dopo l’elezione, al rispetto della terra. 
Al viaggio nella capitale e all'incontro con il Pontefice hanno partecipato quindici studenti e due docenti dell'istituto: Mario Bacco, Francesco Gaetano, Giorgia Pesci, Veronica Azzali, Luca Andaloro e Martina Gaudimonte della 4ª A liceo scientifico scienze applicate; Costanza Grippa, Lucia Savi, Margherita Olivieri, Evelyn Ovrezzi ed Enrico Miglio della 3ª C indirizzo amministrazione e marketing; Federica Pomelli, Tresanna Gentile, Silvia Ottoboni ed Alessia Vitiello della 2ª C amministrazione e marketing, accompagnati dalle docenti Manuela Bellicchi e Maria Giovanna Audino, 
La delegazione ha assistito all’udienza, con l’albero fornito dal Corpo Forestale dello Stato: «E’ stato un momento emozionante, indimenticabile - raccontano gli studenti - trovarsi in mezzo ad una folla di studenti, pellegrini di tutto il mondo, ad ascoltare questo Papa speciale, che ci ha fatto venire la pelle d’oca. Ci siamo sentiti fortunati ad essere lì. E Papa Francesco ci ha definiti “coraggiosi” per aver atteso in piazza San Pietro nonostante il freddo». 
Durante l’udienza il pontefice ha parlato della speranza, di ciò che ci attende dopo la morte, una nuova vita, la salvezza: parole che i ragazzi non dimenticheranno, come tutta l’esperienza nella capitale, che ha previsto anche le visite ai principali monumenti. 
Ora che sono tornati a Fornovo gli studenti del «Gadda» avranno ora il compito di mettere a dimora il loro albero, simbolo della saggia ecologia, benedetto dal Papa. 
«Dovevamo piantarlo - spiegano - durante la Giornata della Salvaguardia del Creato, il 29 novembre,  ma abbiamo pensato di organizzare questa cerimonia durante l’Open day della scuola, il 14 dicembre, quando saranno presenti anche le famiglie in visita».
Donatella Canali

Gli studenti del Gadda di Fornovo hanno partecipato alla tradizionale udienza generale in piazza San Pietro con Papa Francesco, nel segno del rispetto per l'ambiente e per la natura, due temi cari anche a Bergoglio. E il 14 dicembre, nell'ambito dell'iniziativa «Scuola aperta», nel giardino dell'istituto sarà piantato un piccolo albero di noce, a simbolo della salvaguardia del Creato, arricchirà a breve la scuola.
 L’istituto ha infatti partecipato al progetto proposto dalla Fondazione «Sorella Natura» e  rivolto a tutte le scuole: un’iniziativa di formazione e di sensibilizzazione sui temi ambientali, che comprendeva anche la partecipazione all’udienza papale, in Piazza San Pietro. Una meta non casuale vista l’attenzione rivolta da Papa Francesco, fin dai primi discorsi dopo l’elezione, al rispetto della terra. Al viaggio nella capitale e all'incontro con il Pontefice hanno partecipato quindici studenti e due docenti dell'istituto: Mario Bacco, Francesco Gaetano, Giorgia Pesci, Veronica Azzali, Luca Andaloro e Martina Gaudimonte della 4ª A liceo scientifico scienze applicate; Costanza Grippa, Lucia Savi, Margherita Olivieri, Evelyn Ovrezzi ed Enrico Miglio della 3ª C indirizzo amministrazione e marketing; Federica Pomelli, Tresanna Gentile, Silvia Ottoboni ed Alessia Vitiello della 2ª C amministrazione e marketing, accompagnati dalle docenti Manuela Bellicchi e Maria Giovanna Audino, La delegazione ha assistito all’udienza, con l’albero fornito dal Corpo Forestale dello Stato: «E’ stato un momento emozionante, indimenticabile - raccontano gli studenti - trovarsi in mezzo ad una folla di studenti, pellegrini di tutto il mondo, ad ascoltare questo Papa speciale, che ci ha fatto venire la pelle d’oca.
Ci siamo sentiti fortunati ad essere lì. E Papa Francesco ci ha definiti “coraggiosi” per aver atteso in piazza San Pietro nonostante il freddo». Durante l’udienza il pontefice ha parlato della speranza, di ciò che ci attende dopo la morte, una nuova vita, la salvezza: parole che i ragazzi non dimenticheranno, come tutta l’esperienza nella capitale, che ha previsto anche le visite ai principali monumenti. Ora che sono tornati a Fornovo gli studenti del «Gadda» avranno ora il compito di mettere a dimora il loro albero, simbolo della saggia ecologia, benedetto dal Papa. «Dovevamo piantarlo - spiegano - durante la Giornata della Salvaguardia del Creato, il 29 novembre,  ma abbiamo pensato di organizzare questa cerimonia durante l’Open day della scuola, il 14 dicembre, quando saranno presenti anche le famiglie in visita».