Sei in Archivio

lettera al direttore

Lo «scippo» sportivo

09 gennaio 2014, 21:00

Lo «scippo» sportivo

 

Signor direttore,
dall’anno scolastico 2014-15 in Italia verrà attivato il nuovo Liceo scientifico sportivo e per la provincia di Parma sarà il liceo Bertolucci ad attivarlo per decisione della giunta provinciale.
Decisione che, pur in ossequio alla legge nazionale istitutiva del liceo in oggetto, non tiene in alcuna considerazione l’esperienza ultradecennale dell’istituto Giordani (mentre altre amministrazioni hanno deliberato in maniera opposta salvaguardando le esperienze dei propri istituti – Friuli, Veneto, ecc.).
Ma lo scippo non è tanto questo, quanto la contemporanea soppressione del Liceo scientifico scienze applicate ad indirizzo sportivo attivo presso il nostro istituto con trasferimento di allievi e docenti al liceo Bertolucci.
Questo trasferimento genera profonda amarezza nel corpo docente e fa sorgere alcuni dubbi:
- in un Paese dove i diritti acquisiti non si toccano a nessuno, solo i nostri allievi non hanno il diritto di proseguire il percorso di formazione scelto, accogliendo la proposta educativa del nostro istituto.
- come è motivabile ( la delibera di giunta non ne fa menzione)il trasferimento di un indirizzo ad altro istituto dopo le ripetute lettere di ringraziamento per la collaborazione alle varie attività sportive realizzate dalla provincia con il supporto dei nostri allievi?
- non siamo forse ritenuti all’altezza della situazione, ma tutti gli allievi presentati all’esame di stato hanno sempre superato la prova finale e tra questi diversi studenti provenienti da altri istituti che hanno chiesto ed ottenuto di inserirsi nel nostro percorso, ( con tutte le difficoltà e le attenzioni che ciò comporta) trovando una nuova motivazione agli studi.
- è stata perseguita la strada del buon senso?
Noi docenti siamo increduli per questo trasferimento, avremmo almeno desiderato trovare traccia delle reali motivazioni negli atti deliberativi.
Dipartimento Scienze motorie dell’Istituto Giordani
Parma, 28 dicembre