Sei in Archivio

Provincia

"Più controlli nei parchi" a Salso e Tabiano con la polizia municipale

I progetti dell'amministrazione per contrastare i vandalismi. Il sindaco Fritelli annuncia interventi per salvaguardare il decoro della città

20 gennaio 2014, 21:24

 

Un’intensificazione dei controlli nel territorio e nei parchi cittadini; una maggiore vigilanza per salvaguardare il decoro urbano e per contrastare degrado e vandalismi. Sono questi alcuni degli obbiettivi che l’amministrazione comunale si pone per il 2014 attraverso l’operato della Polizia municipale.
A fare il punto il sindaco Filippo Fritelli insieme al responsabile del Distretto della Polizia municipale di Salso, l’ispettore Cinzia Dodi, e che fa capo al Corpo Unico di Polizia municipale delle Terre verdiane guidato da Giacomo Fiume.
«Quest’anno – spiega il sindaco che ha la delega alla Sicurezza e alla Polizia municipale - verranno intensificati i controlli in città, nelle frazioni e nello specifico nei parchi cittadini; come pure verso tutto quanto ruota intorno al decoro urbano, e che possa in qualche modo “minare” l’immagine di Salso e Tabiano, quindi dall’abbandono dei rifiuti, alla pulizia dei marciapiedi a tanti altri settori» ricordando come «si stiano portando avanti rapporti costruttivi con Unione Terre verdiane, lavorando per una riforma e migliore gestione del Corpo unico di Polizia municipale».
Fritelli ha poi ricordato il ruolo che la Polizia municipale svolge nell’ambito delle manifestazioni, e la necessità di avere un migliore e maggiore coordinamento fra gli uffici comunali e l’attività della Polizia municipale.
La Dodi ha aggiunto che verranno avviate «azioni preventive per quei comportamenti che, non ancora reati, rientrano nelle cosiddette “incivilities”. Quest’anno uno dei principali obbiettivi della nostra attività sarà il contrasto al vandalismo, cercando di intervenire in ambiti a rischio di microcriminalità (parchi pubblici), promuovendo una cultura della legalità intesa come rispetto dei principi fondamentali della convivenza civile».
Proseguiranno gli incontri di educazione stradale nelle scuole come pure incontri specifici sul tema dei comportamenti corretti. «E’ necessario imparare che le leggi ci sono per garantire una civile convivenza e per questo è necessario riavvicinare i ragazzi alle istituzioni e a modelli di comportamenti improntati al rispetto delle regole».
La Dodi ha poi concluso rilevando come il lavoro sinergico di Comune, Polizia municipale e cittadini possa creare sicurezza attraverso l’individuazione dei problemi, la loro analisi e le strategie di intervento.