Sei in Archivio

San Francesco di Sales

Gli auguri del vescovo ai giornalisti

L'invito di monsignor Solmi: «Tessete la cultura dell'incontro»

25 gennaio 2014, 16:47

Gli auguri del vescovo ai giornalisti

 

«La festa di San Francesco di Sales mi permette di rivolgere un augurio sentito a tutti voi che operate nella comunicazione, nelle molteplici forme in cui oggi si attua e si sviluppa». Comincia così il testo degli auguri del vescovo ai giornalisti e operatori della comunicazione per il giorno di San Francesco di Sales, loro patrono.
«Il primo augurio - scrive il vescovo - è per voi e per le vostre famiglie, perché possiate godere della vostra professione con la soddisfazione di fare un servizio importante per il bene comune, senza la preoccupazione di riduzioni di organico o di altre forme che, purtroppo, oggi imperversano nel mondo del lavoro creando gravissimi problemi ai lavoratori e alle famiglie. Cosa vogliamo lasciare di noi? La domanda che intitola il mio messaggio di Sant’Ilario alla città è quanto mai attuale anche nel mondo della comunicazione. Papa Francesco, per la prossima Giornata delle comunicazioni sociali, accosta il vostro impegno al buon Samaritano che si fa prossimo e si prende carico della persona ferita. Penso all’opportunità che avete per tutelare la dignità della persona umana e farvene carico con una informazione corretta, non selettiva, ma aperta, che cerca di trasmettere il vero».
«Sono convinto - continua il presule - che il rischio di travisare o addirittura di calunniare persone e gruppi si possa vincere con la capacità di custodire una coscienza retta e libera che cresce continuamente, cercando anche spazi di silenzio per ascoltare, come ci ricorda Papa Francesco. Di noi allora lasciamo la convinzione che la dignità, l’onorabilità della persona, nostra e dell’altro, non ha prezzo e che è possibile tessere, con la vostra professione, quella cultura dell’incontro oggi tanto urgente.
«Ancora ringraziandovi per il vostro servizio - conclude Solmi - ribadisco la mia disponibilità ad una collaborazione cordiale e pronta, sia in forma diretta che attraverso i mezzi di comunicazione della nostra Chiesa. San Francesco di Sales accompagni il nostro cammino e ci mantenga in quella via che Lui tanto bene ha percorso».