Sei in Archivio

Collecchio

Installate quattro telecamere: più sicurezza al cimitero

L'amministrazione continua a potenziare il sistema di videosorveglianza in paese. L'assessore Dodi: "Saranno un deterrente contro i furti e gli atti vandalici"

di Gian Carlo Zanacca -

26 febbraio 2014, 20:19

Installate quattro telecamere: più sicurezza al cimitero

 

Quattro nuove telecamere sono da qualche giorno in funzione all’interno del cimitero urbano di Collecchio. L’assessore Gian Carlo Dodi, competente per la manutenzione e gestione dei cimiteri presenti sul territorio, ha effettuato un sopralluogo per illustrarne la funzionalità e le finalità.
«Da tempo era stata avvertita la necessità di individuare un sistema che rendesse più sicuro il cimitero, soprattutto dopo i furti reiterati ai danni di alcune tombe. Per questo abbiamo trovato un accordo con la Sogeci, società di gestione del cimitero, per installare un sistema di videosorveglianza che scoraggi furti e atti vandalici».
Le quattro telecamere sono a circuito chiuso e sono collegate con la direzione del cimitero stesso. Due si trovano all’ingresso della struttura e rendono possibile il monitoraggio del viale centrale in entrata e in uscita. Una è sistemata a ridosso dei campi per l’inumazione che si trovano all’ingresso e permette le riprese nel primo quadrante del camposanto.
L’ultima telecamera si trova nel corridoio che percorre il cimitero nella parte dietro la cappella.
Il sistema di videosorveglianza costituisce un deterrente importante sia per coloro che rubano fiori o oggetti poste sulle tombe, ma anche contro atti vandalici e contro furti di maggior portata come quelli che sono avvenuti di recente in alcuni cimiteri della provincia dove sono state trafugate ingenti quantità di rame.
«L’obiettivo – ha aggiunto Dodi – è quello di piazzare altre telecamere all’interno del cimitero di Collecchio in modo da avere un controllo ancora maggiore, inoltre abbiamo in programma l’installazione di sistemi di videosorveglianza anche nei cimiteri delle frazioni».
Il tema della videosorveglianza ha assunto sempre maggior rilievo negli ultimi tempi. La consigliera di minoranza del gruppo «Liberi e uniti per Collecchio», Patrizia Caselli, ne aveva richiesto a più riprese il potenziamento. L’Amministrazione, dal canto suo, sta portando aventi un’operazione di aggiornamento e revisione delle telecamere già presenti sul territorio con il collegamento alla centrale operativa unica del comando di polizia municipale dell’Unione Pedemontana a Felino.
La rete di videosorveglianza a Collecchio interessa, oggi, la zona della scuola Don Milani e delle poste, con telecamere in via Toscanini, via Pascoli e stradello Braia. Anche il parcheggio sotterraneo di viale Libertà è dotato di un sistema di videosorveglianza: in passato ha permesso di identificare un uomo che aveva messo a segno atti vandalici contro le auto parcheggiate rompendone i vetri e danneggiando la carrozzeria.
Anche a villa Soragna sono presenti telecamere per il controllo dell’ingresso del Parco Nevicati del centro culturale. A questi si aggiungono i sistemi presenti nel polo scolastico di via San Prospero che controllano la scuola elementare «Verdi» e la media «Galaverna».