Sei in Archivio

Provincia

Nasce a Fornovo il "polo tecnico-professionale per la filiera meccanica"

L'obiettivo: creare una scuola che avvicini il "sapere" al "saper fare"

06 marzo 2014, 17:00

Nasce a Fornovo il

 

Nasce a Fornovo il "Polo tecnico-professionale per la filiera meccanica". Il nuovo polo scolastico è stato presentato oggi, nella sede dell’Unione Parmense degli Industriali. Recentemente costituito a Fornovo, è il primo attivato dei quattro al momento previsti nell’ambito della Programmazione regionale, finanziato dall’Ufficio Scolastico Regionale e da Regione Emilia-Romagna. Sono coinvolti gli istituti scolastici Gadda (Fornovo) e Berenini (Fidenza), gli enti di formazione Forma Futuro (Fornovo), Centro servizi Pmi, Cisita Parma e le imprese Dallara Automobili e Bercella Compositi. 

I Poli tecnico-professionali - dice l’Ufficio scolastico regionale - costituiscono una forma strutturata e stabile di collaborazione tra istituti tecnici e professionali, centri di formazione professionale, imprese, centri di ricerca, che ha lo scopo di creare un sistema educativo di istruzione e formazione ad alta specializzazione professionale e tecnologica, integrato con le filiere produttive del territorio. L’obiettivo è quello di realizzare luoghi di istruzione, formazione e apprendimento in contesti applicativi destinati a favorire l'incontro tra il "sapere" e il "saper fare". 

Per il Polo di Fornovo è stata individuata la filiera meccanica, in particolare le imprese impegnate nello studio e nelle lavorazioni di materiali compositi. Questa nuova forma di collaborazione potrà offrire ai giovani e alle loro famiglie la possibilità di orientarsi, già nel corso del 2° ciclo di istruzione, con la collaborazione dei soggetti del territorio e delle imprese, tra i diversi tipi e indirizzi di percorsi post-secondari come gli istituti tecnici superiori ed i percorsi universitari.

 

{{title}}
RIAPERTURE

Divisi dalle rive del Po finalmente insieme

{{title}}
SUI BINARI

In stazione, chi va e chi viene. L'importante è riabbracciarsi

{{title}}
SOS NON UDENTI

Mascherine trasparenti? Sono introvabili