Sei in Archivio

"Sei di... se ..."

I ricordi e la nostalgia esplodono su Facebook

Fioriscono i gruppi social: Parma in testa, ma anche in provincia...

di Matteo Scipioni -

07 marzo 2014, 18:18

I ricordi e la nostalgia esplodono su Facebook

I ricordi diventano una moda. Esplosiva, fatta di commenti e foto. Tantissime immagini tra i banchi di scuola, in bici, al bar o in campo a tirare calci ad un pallone. A colori, sfuocate e anche in bianco e nero oppure ingiallite. Non manca una buona dose di indentità e di campanile, ironia e pure qualche lacrimuccia. 

L'ondata dei vari profili Facebook “Sei di... se...”, con i vari paesi o la stessa Parma in testa, orgogliose di mostrare i propri ricordi, ha travolto la nostra provincia. Alcuni “campanili” ne hanno più di uno.
Il più frequentato è, ça va sans dire, uno dei tre “Sei di Parma se...”: 5.821 membri incorniciati dalla Parma voladora. I vari nostalgici della Parma di una volta (non solo, sbucano anche molte foto e battute annesse anche sull'ultima trasferta dei crociati, domenica a Reggio) si sbizzarriscono nella macchina del tempo virtuale: dalla piscina del Coni a piazzale Santa Croce prima del restyling. Qui si parla dialetto e ci si lecca i baffi con anolini e prosciutto (inevitabile) ma si vola – idealmente - anche sulla stazione ferroviaria per ammirare il vecchio monumento a Verdi e, non lontano, il Reinach: entrambi distrutti dalle bombe durante la guerra. Si indossa il tabarro immersi nella fùmèra e si va a ballare alla Raquette.
In un altro baule dei ricordi di "Sei di Parma se..." (275 membri) spunta il bollito e le sue salse. Il commento? “Se sei di Parma la domenica dopo gli anolini mangi questo..altrimenti "t'zi miga n'nostran" “. Ben 456 amici ha il gruppo di ex (o meno) studenti della nostra Università: “Hai studiato a Parma se...”. Dottori che rimpiangono (o magari se la stanno andando a mangiare) la carciofa di Pepèn ma anche nostalgici della “festa” collettiva per eccellenza: il mitico raduno degli alpini nel 2005. Università è anche goliardia, feluche e ironia: ci mettiamo anche i ricordi delle Feriae matricolari.
I vari gruppi seguono più o meno il numero dei cittadini: al secondo posto troviamo Salso, che ha ben 4 gruppi e tanti membri: “Non sei di Salso se...” ne ha 1970. Molte le foto dell'epoca d'oro di inizio del secolo scorso, tanti i ricordi tra locali e feste tra amici. Ci si accorge che più le città e i paesi sono piccoli, più compaiono foto personali, di compagnie di amici e di eventi memorabili. Anche familiari.
“Non sei di Fidenza se...” (1.865 membri): il gruppo di borghigiani ci accoglie una foto – datata – dei Desmodromici. Con loro Gene Gnocchi.
Si arriva a “Non sei di Collecchio se...”  (931) con i momenti di svago al “Bar Chiozzi” o la superfesta al mitico Taro Taro (mostrato e rimpianto prima, durante e dopo la demolizione): quella sera arrivarono Niki Lauda e Clay Ragazzoni. Da queste parti passò anche il Campionissimo Coppi. A pochi chilometri l'una dall'altra e vari ricordi non distanti “Non sei di Soragna se...”  (608) e “Non sei di Busseto se...” (802): dalla festa dei nasi al Biscioneide, la visita di Margarteh d'Inghilterra in Rocca, tanto Verdi e molto bianco e nero. Visto il periodo, spopola in questi giorni il carnevale.
La Bassa spopola nuovamente con “Sei di Colorno se...” (786 membri): scolari d'epoca, un giro nel giardino di palazzo ducale e, anche qui, molto carnevale. In montagna arriviamo, virtualmente, ai ricordi di “Sei di Borgotaro se...” (704): con i chisulein e un dialetto che assume contorni differenti da quello di Parma si da un viaggio tra i ricordi della nostra montagna.

Altri link di gruppi su Facebook:

Traversetolo, FornovoBerceto, Bardi, Varsi, LanghiranoZibello, Corniglio, Noceto, Medesano, Felino, Sala Baganza, Sorbolo