Sei in Archivio

Viaggio della Memoria

Camminando sulla strada dei morti di Mauthausen

Due pagine sulla Gazzetta di Parma coi pensieri degli studenti che hanno partecipato al viaggio

09 marzo 2014, 12:52

Camminando sulla strada dei morti di Mauthausen

 

Continua la pubblicazione dei pensieri degli studenti reduci dal viaggio della Memoria. Eccon alcuni: Due pagine intere sulla Gazzetta di Parma in edicola.


ZAPPA-FERMI di Borgotaro
La notte il silenzio mi fa pensare, le immagini riaffiorano: provo tristezza, un'immensa tristezza per la libertà negata per quelle povere persone, per le atrocità che gli sono state inflitte, per l'umiliazione che la loro anima ha subito... Un uomo è capace di tutto ciò, di distruggere senza ritegno...
Sara Mazzocchi
...
ROMAGNOSI
Se ti è mancato il coraggio di vedere Mauthausen allora non hai mai saputo veramente giudicare questo mondo, Mauthausen non fa paura, fa paura la parola oblio che inizia a riecheggiare sempre più fra la gente, fa paura pensare che anche il dolore in futuro possa nascondere nelle nostre menti il ricordo fino a farlo sparire. La necessità prima è guardare e raccontare ciò che è stato, per sempre.
Beatrice Fantuzzi
...

MAINETTI di Traversetolo
Guardo indietro e ripenso alla freddezza degli assassini che mi gela il cuore, alla crudeltà dell’uomo, quella che i miei occhi, non dimenticheranno mai.
Daniel Esposito
...
ULIVI
Gli effetti di questa visita ai luoghi della memoria si sentiranno e lasceranno una consapevolezza nel tempo. Per esempio, non sarà più possibile osservare una struttura monumentale senza pensare alle gallerie di Ebensee.
Matteo Panizzi
...
SANVITALE
Raccontare a mente fredda ciò che abbiamo visto in questi giorni non è facile. Ripensandoci mi rendo conto che forse anche dopo una visita così intensa non capiamo bene tutto ciò che è accaduto. Non è facile provare ad immaginare. Posso solo dire che i sentimenti che ho provato sono stati tanti, dalla rabbia al dolore ma quel che più mi è rimasto è il silenzio che ci ha accompagnato per tutto il percorso.
Giada Pisi
...
TOSCHI
La memoria è evanescente, leggera... E' nostro compito adesso assicurarci che resti viva.
Valentina Di Nunzio
...
MARIA LUIGIA
Poche volte la realtà della storia ti schiaffeggia così e ti accorgi di quanto sia difficile accettarla, non solo ricordarla.
Maria Chiara Ghiretti
...