Sei in Archivio

Economia

MecSpe, alle Fiere va in scena il futuro della meccanica

In Fiera il meglio delle tecnologia per l'innovazione. Al centro la digitalizzazione

26 marzo 2014, 20:24

MecSpe, alle Fiere va in scena il futuro della meccanica

 

E' iniziato il conto alla rovescia per MecSpe, l’appuntamento con la fiera internazionale delle tecnologie per l’innovazione, organizzata da Senaf, punto di riferimento del comparto della meccanica e della subfornitura.
Il sipario si apre infatti domani alle Fiere di Parma con una manifestazione in crescita che presenterà fino a sabato 1.087 espositori, 16 unità dimostrative, 15 quartieri tematici e 7 saloni tematici, 9 piazze d’eccellenza, 13 convegni e oltre 90 miniconferenze organizzate da aziende, università e istituti di ricerca.
Sotto i riflettori è un comparto che, come emerge da una recente indagine, mostra segnali di ottimismo: un imprenditore su due giudica particolarmente positive le performance aziendali attuali, e il portfolio ordini attuale permette di sostenere le esigenze finanziarie di quasi sei aziende su dieci. Positive le attese sul fatturato 2014, con quasi un’azienda su due che ipotizza una crescita a livello generale del settore nei prossimi tre anni.
«Come emerge da una nostra indagine, le imprese italiane stanno cercando la strada per essere più competitive a livello globale ma è difficile vedere con chiarezza quale sia quella corretta – dichiara Emilio Bianchi direttore di Senaf – .Per differenziarsi, occorre ripartire dai giovani e da qualità, innovazione e tecnologia».
Cuore mostra della tredicesima edizione di MecSpe, sarà infatti la «Fabbrica Digitale – oltre l’automazione», il progetto di integrazione digitale dei sistemi e sottosistemi che compongono una moderna fabbrica, in cui verranno progettate e realizzate dal vivo alcuni elementi di Xam 2.0, la concept city car elettrica progettata e prodotta dal Team H2politO del Politecnico di Torino. La Fabbrica Digitale si compone infatti di un'area progettazione, un'area di prototipazione e styling, numerose unità produttive, a cui si affiancano un'area assemblaggio con un robot funzionante e un'area control e metrologia, tutte interconnesse digitalmente tra di loro.
L’automazione e la robotica a MecSpe avranno anche un’applicazione ludica, per mostrare le potenzialità delle macchine e delle tecnologie. All’interno dei padiglioni, i visitatori troveranno infatti il robot portiere pronto a intercettare e parare i rigori di chi vorrà sfidarlo all’interno di un’area di rigore, con tanto di porta, spalti, rumore della folla ed arbitro e quattro robot impegnati a giocare a basket.
Tra le innovazioni che il comparto dovrà affrontare c’è quello implicato dalla stampa 3D che partendo dalle esperienze di prototipazione rapida per la produzione di modelli e prototipi oggi rappresenta una vera e propria rivoluzione industriale per la produzione da digitale di prodotti finiti, in pezzi unici e personalizzabili in tempi rapidi e a costi limitati. Per questo il salone ospiterà la prima tappa del roadshow «3D Print Hub» - il progetto ideato da Senaf.
MecSpe sarà anche sede della cerimonia di premiazione della 15ª edizione del Premio Internazionale Leonardo da Vinci, indetto da Aipi (Associazione Italiana Progettisti Industriali) per premiare la professionalità di progettisti che hanno dedicato il loro ingegno per favorire l’innovazione industriale.