Sei in Archivio

Gusto - Il vino

Milano da bere con Monte delle Vigne

Dopo Eataly e Brian&Barry, ecco Donizetti dove c'è un corner dedicato a Parma

28 marzo 2014, 19:51

Milano da bere con Monte delle Vigne

In una settimana Milano si è arricchita di «luoghi del Gusto». Alle inaugurazioni di Eataly e Brian&Barry, ha fatto seguito l'apertura di Donizetti, con i creatori del gusto. In piazza di Città di Lombardia che ospita il palazzo della Regione. «Un nuovo epicentro gastronomico»: così viene presentato questa sorta di terzo polo enogastronomico.
E Parma c'è. il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni e il Presidente del Consiglio Regionale Raffaele Cattaneo hanno visitato in anteprima il nuovo concept store Donizetti e all’interno di questo, il corner dedicato a 2DParma, dove si possono trovare un'ampia selezione di Vini di Monte delle Vigne abbinati ai salumi e formaggi di Silvano Romani. 2DParma si affianca ad altri sei luoghi del Gusto: La Cafferia (torrefazione artigianale nata nel centro di Luino); Ueh, dedicato all’arte bianca e allo street-food più verace; @gente naturale (uno spazio per chi vuole stare leggero); Pasta Food (un’isola dedicata alla pasta fresca) e Sopraffino, il ristorante aperto a pranzo e cena che trasforma gli ingredienti di tutti i Creatori del Gusto.
E 2DParma appunto che nasce come unione di due eccellenze territoriali dell’enogastronomia parmigiana e format imprenditoriale che si propone di diventare modello riproducibile in altre città e contesti. Monte delle Vigne con i suoi vini, espressione e sintesi di un terroir unico e di un progetto enologico importante che vanta 60 ettari di vigneto e una cantina ipogea a pigiatura gravitazionale, e Silvano Romani, da sempre attento selezionatore di prodotti di altissima qualità. Tra le proposte, l’orizzontale di parmigiano reggiano 20, 24 e 30 mesi abbinata a un calice di Callas, la malvasia ferma di Monte delle Vigne. La speranza è che questa sia una prima avventura con la food valley protagonista di una sinergia così importante. Perché far sistema e unire le forze è la carta vincente. Soprattutto nell'enogastronomia. r.g.