Sei in Archivio

tributo

Ultimi giorni per pagare la Tares senza sanzioni: inviati i solleciti

Ulteriore proroga di un mese concessa dal Comune

di Luca Molinari -

28 marzo 2014, 19:45

Ultimi giorni per pagare la Tares senza sanzioni: inviati i solleciti

Ultimi giorni per pagare la Tares, Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi, senza sanzioni. Nei giorni scorsi Iren - per conto del Comune - ha inviato i solleciti ai parmigiani che ancora devono pagare il tributo (che da quest’anno si chiama Tari), che aveva come scadenza ultima la fine di febbraio.

Questi solleciti offrono un ulteriore e ultima proroga di trenta giorni dal momento del loro invio (nella maggior parte dei casi si potrà pagare entro i primi giorni di aprile).

L’elenco di chi non pagherà neppure entro questa nuova scadenza verrà trasmesso a Parma Gestione Entrate, la società di riscossione del Comune, che applicherà le procedure di riscossione coattiva (dovrebbe essere inviata un’ingiunzione di pagamento con l’applicazione di sanzioni).

«Soltanto a partire dalla seconda metà di aprile - fanno sapere dal Comune - sapremo chi non ha pagato la Tares, ma al momento non è possibile avere un dato preciso e definitivo. Abbiamo infatti concesso più tempo per i pagamenti per venire incontro ai parmigiani in questo momento di grave crisi economica».
La riscossione del tributo sui rifiuti è stata affidata ai Comuni (anziché al gestore del servizio) a partire dallo scorso anno. La «rivoluzione» è partita con il pagamento della seconda rata del 2013 della ex Tariffa di igiene ambientale - effettuato tramite modulo F24.
«Il Comune - spiegano i funzionari - deve pagare a Iren un servizio dal costo totale di 35 milioni di euro l’anno, ma soprattutto ha visto ricadere su di sé il rischio economico dell’incasso». E’ infatti altamente improbabile che paghino il tributo entro le scadenze il 100% dei contribuenti. «Speriamo che questa elasticità dei pagamenti - concludono dal Comune - possa facilitare chi non è ancora riuscito a pagare il tributo e riduca al minimo le ingiunzioni che verranno successivamente spedite da Parma Gestione Entrate».