Sei in Archivio

Spettacolo Mercedes, crollo Ferrari

Hamilton vince il Gp del Bahrain davanti al compagno Rosberg dopo una lunga lotta. Corsa palpitante, ma le Rosse deludono: 9° Alonso, 10° Raikkonen.

06 aprile 2014, 21:00

Spettacolo Mercedes, crollo Ferrari
Le Mercedes confermano il dominio di inizio stagione terminando al primo e secondo posto il Gran Premio del Bahrain. Ma Lewis Hamilton deve lottare fino all'ultimo metro per resistere a un arrembante Nico Rosberg. Completa il podio il rinato Sergio Perez su Force India.

In ripresa anche le Red Bull (quarto Daniel Ricciardo, sesto Sebastian Vettel che subisce il sorpasso del giovane compagno di box), precipitano le Ferrari. Fernando Alonso e Kimi Raikkonen concludono malinconicamente al nono e decimo posto, rivelandosi inferiori a Red Bull, Force India e Williams, oltre che alle Mercedes. Entrambi i piloti si lamentano via radio, Luca Cordero di Montezemolo abbandona il circuito prima della fine.

Al via Hamilton brucia Rosberg e si infila in testa alla prima curva, ma qualche metro dopo il compagno prova a riportarsi in testa, per un duello mozzafiato tra le due Mercedes. Male Raikkonen che perde diverse posizioni e si ritrova al nono posto (per radio si lamenta di un nuovo contatto con Magnussen dopo la Malesia), mentre Alonso ne guadagna due e sale settimo. Ancora meglio fa Felipe Massa, che porta la sua Williams al terzo posto, alle sue spalle Perez e il compagno Bottas.

Subito i due piloti Mercedes fanno il vuoto, dietro le Ferrari soffrono. Alonso viene superato da Hulkenberg al quinto giro e in un Team Radio si lamenta: "Non abbiamo abbastanza potenza in rettilineo". I riscontri cronometrici, del resto, sono impietosi: le Mercedes dopo dieci giri viaggiano sul piede dell'1'41'1, Massa, Perez, Button e Hulkenberg, sull'1'42'5, le Rosse e Vettel non riescono ad andare al di sotto del muro dell'1'43.

Al dodicesimo passaggio Alonso prova a rimediare cambiando le gomme e montando pneumatici a mescola morbida. Dopo il pit stop di Raikkonen il finnico passa davanti a Hulkenberg, ma deve presto arrendersi al tedesco della Force India, che riprende la sua posizione.

Al 18' giro Rosberg attacca di nuovo Hamilton: ruote bloccate per entrambi, il tedesco infila il compagno, che però tiene duro e dopo alcune curve di lotta si riprende la testa della corsa. Intanto si accende anche la battaglia tra le Force India, entrambe davanti alle Ferrari. Al ventunesimo giro, infatti, dopo tutti i cambio gomme Hamilton comanda davanti a Rosberg, Bottas, Massa, Hulkenberg, Perez, Alonso, Button, Raikkonen e Vettel.

Al 25' giro Vettel e le Force India sopravanzano Massa. Le Ferrari cercano di terminare la gara con una sosta in meno, ma continuano a faticare: Alonso non riesce a contenere le Force India, Raikkonen subisce i sorpassi di Ricciardo e Bottas.

Al 41' passaggio Maldonado azzarda un sorpasso su Gutierrez, ma i due entrano in collisione, con la Sauber del messicano che decolla e compie 360 gradi in volo, atterrando fortunatamente sulle quattro ruote. Nessuna conseguenza fisica per il pilota.

Al 47' giro, a dieci dalla fine, si ricomincia: Hamilton è in testa davanti a Rosberg, Perez, Hulkenberg, Button, Vettel, Ricciardo, Massa, Bottas, Alonso. La McLaren di Button entra in crisi e perde posizioni, prima di ritirarsi. Anche Alonso lo sopravanza al 50' giro, proprio mentre Ricciardo sorprende Vettel e artiglia il quinto posto. Il quattro volte campione del mondo prova a rispondere, ma non ci riesce.

Le due Red Bull provano ad attaccare Perez quarto e nel contempo lottano tra loro. Al 52' giro, poi, Rosberg rompe gli indugi e attacca Hamilton. L'anglo-caraibico riuscirà a resistergli fino alla bandiera a scacchi. A un giro dal termine, quindi, Massa prova a strappare il sesto posto a Vettel, che perde la posizione ma la riconquista nella curva successiva.

Termina quindi una corsa palpitante e spettacolare, ma con una Ferrari lontanissima dai suoi giorni migliori.

Gran Premio del Bahrain 2014:
1. Lewis Hamilton (Mercedes AMG)
2. Nico Rosberg (Mercedes AMG)
3. Sergio Perez (Force India Mercedes)
4. Daniel Ricciardo (Red Bull Renault)
5. Nico Hulkenberg (Force India Mercedes)
6. Sebatian Vettel (Red Bull Renault)
7. Felipe Massa (Williams Mercedes)
8. Valtteri Bottas (Williams Mercedes)
9. Fernando Alonso (Ferrari)
10. Kimi Raikkonen (Ferrari).

Spettacolo Mercedes, crollo Ferrari