Sei in Archivio

Hamilton domina, Alonso è sul podio

Vittoria mai in discussione nel Gran Premio di Cina per l'inglese, ma la Ferrari strappa applausi: lo spagnolo è terzo dopo essere stato a lungo secondo.

20 aprile 2014, 13:00

Hamilton domina, Alonso è sul podio
Il Gran Premio di Cina premia ancora una volta Lewis Hamilton, in testa dal primo all'ultimo metro, ma riconsegna alla Formula 1 una Ferrari e un Fernando Alonso da applausi: l'asturiano porta per la prima volta in stagione la Rossa sul podio. E' terzo, dopo essere stato a lungo secondo (non è riuscito a resistere a un Nico Rosberg un po' in ombra) e resiste alla Red Bull di Daniel Ricciardo, che annichilisce ancora una volta Sebastian Vettel, quinto. Ottava l'altra Ferrari di Kimi Raikkonen. Con questo risultato Alonso si porta anche al terzo posto nella classifica mondiale.

Dopo il diluvio delle prove la gara è asciutta. Allo spegnimento dei semafori Hamilton si porta autorevolmente in testa, ma è eccellente lo scatto dalla sesta piazzola di Massa. Il brasiliano della Williams, però, si vede sbarrare la strada da Ricciardo ed è costretto a sterzare verso il centro dove cozza contro Alonso. La sua vettura rischia di decollare, ma incredibilmente né lui né il ferrarista riportano danni significativi. Addirittura Alonso prova ad attaccare Vettel che gli resiste. Situazione analoga alle loro spalle: Bottas colpisce Rosberg che perde diverse posizioni e a lungo si lamenterà per l'aerodinamica danneggiata della sua ala anteriore. Hamilton chiude il primo giro davanti a Vettel, Alonso, Ricciardo, Massa, Rosberg, Hulkenberg, Grosjean, Raikkonen e Bottas.

Il primo pit stop (di Button) arriva addirittura all'ottavo giro. All'undicesimo si fermano Raikkonen e Massa, sfortunatissimo il paulista cui i meccanici non riescono a fissare le gomme posteriori. Gara rovinata.

Al suo pit stop Alonso riesce a portarsi davanti a Vettel. Hamilton ritarda molto la sosta (la effettua al 18esimo passaggio) e rientra in pista con un vantaggio non cospicuo sul ferrarista. Rosberg, in piena rimonta, sfida e supera Vettel al 22esimo giro. Alle spalle del quattro volte campione del mondo rinviene anche Ricciardo. Dal muretto arriva un ordine di squadra: quello di far passare il più veloce australiano. Vettel, con riluttanza, esegue dopo aver chiesto "Perché, che gomme ha stavolta?".

A metà gara, quindi, Hamilton conduce su Alonso, Rosberg, Ricciardo, Vettel, Hulkenberg, Bottas, Raikkonen, Perez, Kvyat. Il ferrarista resiste bene sul ritorno del tedesco della Mercedes.

Al 34esimo giro i meccanici della Mercedes si preparano al pit stop, quelli della Ferrari fanno altrettanto. Ma quando Alonso va a cambiare le gomme gli uomini di Brackley rientrano: era una 'finta'. Rosberg infatti si fermerà solo quattro tornate dopo. Continua intanto la battaglia in casa Red Bull, ma a Vettel non basta effettuare alcuni giri lanciati per riportarsi davanti al compagno dopo i cambio gomme.

Al 43esimo giro la strategia del team anglo-tedesco giunge a compimento: Rosberg passa facilmente Alonso, che negli ultimi giri deve vedersela con il ritorno di Ricciardo alle sue spalle. Il pilota di Oviedo, però, gestisce bene l'ultimo treno di gomme e nella fase più delicata della sua corsa riesce a rintuzzare l'australiano con alcuni giri da qualifica e alla fine porta a Maranello un podio che vale oro.

Gran Premio di Cina 2014 - Shanghai:
1. Lewis Hamilton (Mercedes AMG)
2. Nico Rosberg (Mercedes AMG)
3. Fernando Alonso (Ferrari)
4. Daniel Ricciardo (Red Bull Renault)
5. Sebastian Vettel (Red Bull Renault)
6. Nico Hulkenberg (Force India Mercedes)
7. Valtteri Bottas (Williams Mercedes)
8. Kimi Raikkonen (Ferrari)
9. Sergio Perez (Force India Mercedes)
10. Daniil Kvyat (Toro Rosso Renault).

Hamilton domina, Alonso è sul podio