Sei in Archivio

Zibello

"Con noi per Zibello" punta su ambiente e turismo

Elia Vighi appoggia Federica Ariozzi

06 maggio 2014, 22:15

Punta alla tutela dell’ambiente, nel «cuore» della Food valley, Elia Vighi, giovane consigliere comunale di Zibello, di nuovo candidato allo stesso consiglio comunale, con la lista «Con noi per Zibello», guidata dal candidato sindaco Federica Ariozzi. «Il nostro territorio, a vocazione prettamente agroalimentare – esordisce Vighi - richiede una particolare ed attenta politica di tutela e difesa dell’ambiente tesa al miglioramento della qualità ambientale del territorio comunale e alla prevenzione dell’inquinamento del suolo, delle acque e dell’aria oltre che salvaguardare l’integrità culturale e paesaggistica di Zibello».
«In quest’ottica – spiega - per il prossimo quinquennio è nostra volontà continuare la stretta collaborazione con il Consorzio della bonifica parmense che già nel corso del mandato ha garantito il monitoraggio e la costante messa in sicurezza del territorio». Tutela del territorio significa anche tutela delle eccellenze enogastronomiche, quali culatello e parmigiano e del sistema produttivo collegato.
«Consapevoli dell’importanza del patrimonio e della ricchezza delle nostre terre – spiega ancora Vighi - sosterremo il turismo enogastronico ed aumenteremo le occasioni di conoscenza e visibilità di Zibello attraverso partnership prestigiose, gemellaggi, partecipazioni ad eventi nazionali ed internazionali e collaborazioni con enti e associazioni così da costruire nuove opportunità di sviluppo a favore di tutte le attività commerciali».
Inoltre Elia Vighi evidenzia che: “per quanto riguarda, più in generale, il settore produttivo attueremo politiche che stimolino la crescita delle attività artigianali ed imprenditoriali esistenti e l’insediamento di nuove realtà produttive, garantendo piena collaborazione per snellire le pratiche burocratiche e ridurre i tempi di attesa». E’ altresì nostra ferma intenzione ostacolare l’avvio di produzioni che comportino problematiche di grave impatto ambientale».