Sei in Archivio

Calestano

"Esperienza e futuro" punta sulla guida di Filippo Abelli

Nella lista un mix tra giovani e meno giovani

di Antonio Rinaldi -

06 maggio 2014, 15:34

Una delle due liste che si contenderanno l’amministrazione del comune di Calestano per il prossimo quinquennio, si chiama «Esperienza e futuro» è composta da calestanesi di varie età fra cui molti giovani profondamente radicati in questa parte di Val Baganza, e avrà come candidato sindaco Filippo Abelli, già primo cittadino dal 1999 al 2009, e vicesindaco nell’amministrazione uscente.
«Il nostro simbolo e soprattutto il nostro nome parlano molto di noi - dicono gli esponenti della lista - il nostro gruppo è composto di giovani e di nuovi candidati, desiderosi e contenti di mettersi a lavorare per Calestano, ed è completato da persone di età diverse altrettanto motivate e forti di una collaudata esperienza amministrativa». Ed è proprio questo l’aspetto su cui sembra puntare di più la lista, il rinnovamento, affiancato dalla concreta esperienza amministrativa: «Ed è proprio per questo che pensiamo che il nostro Comune non abbia bisogno di un candidato sindaco allo sbaraglio, ma di una guida sicura, esperta, capace e determinata qual è Filippo Abelli. Una formazione politica del tutto nuova e inesperta, non sarebbe una promettente soluzione, ma un pericoloso salto nel buio con il rischio-certezza di precipitare nel caos o nell’immobilismo più assoluto che già il nostro Comune ha vissuto in passato. La collaborazione, fianco a fianco dei giovani con un sindaco esperto sarà la via più proficua e sicura per trasferire le conoscenze e l’esperienza utili a un prossimo passaggio del testimone». E Filippo Abelli, pone l’accento anche sul «sottotitolo» della lista (per Calestano e le sue frazioni) che rende ben chiaro che l’interesse del gruppo è per tutto il territorio comunale e non solo per il capoluogo. «Abbiamo un programma concreto che non mancherà di evidenziare ostacoli e problemi, ma conterrà soprattutto i progetti e le iniziative che intendiamo attuare».