Sei in Archivio

Volontariato

Avoprorit, direttivo in rosa: la Delmonte presidente

Da 24 anni nel sodalizio: insieme a lei nel consiglio solo donne. Sostituirà Foggi alla guida dell'associazione di volontariato

di Mariagrazia Manghi -

06 maggio 2014, 19:16

Avoprorit, direttivo in rosa: la Delmonte presidente

Un direttivo tutto in rosa, in funzione per i prossimi tre anni, è quello uscito dalle elezioni all'Avoprorit provinciale. Presidente designato è Ivana Delmonte, della sezione di Tizzano, che sostituisce Enrico Foggi, in carica negli ultimi otto anni; vicepresidente Sabrina Nolli della sezione di Traversetolo, economa Francesca Daturi di Pieveottoville. Il consiglio si completa con Alietta Ferrari di Langhirano, Michela Ferrari di Corniglio e Barbara Aiolfi di Trecasali.
Volontaria da 24 anni in Avoprorit, di cui è stata vicepresidente negli ultimi 11, Ivana Delmonte porta all’associazione tutta la sua esperienza e il suo impegno.
«Il mio piano di lavoro tiene ben presenti le finalità fondamentali della nostra associazione - dichiara – che mettono in primo piano la prevenzione, la ricerca e l’assistenza. Le modalità che intendo perseguire sono quelle di una stretta e fattiva collaborazione tra le diverse sezioni. La mia scelta è di coinvolgere sempre più tutto il direttivo, i volontari e i medici».
L’associazione si occupa dei tumori con un lavoro di informazione capillare e con l’attivazione di ambulatori gratuiti dislocati capillarmente sul territorio dove effettuare esami per la diagnosi precoce dei tumori al seno, alla pelle, all’apparato digerente o al cavo orale.
«La prevenzione è la nostra arma migliore - afferma con orgoglio la Delmonte -. In tanti sono riusciti a guarire perché hanno potuto intervenire rapidamente grazie agli accertamenti effettuati nei nostri ambulatori».
Le sedi Avoprorit in cui operano medici specializzati sono aperte a tutti gratuitamente su prenotazione. I volontari, svolgono mansioni di segreteria, raccolgono le prenotazioni, aprono gli ambulatori, organizzano iniziative per la raccolta dei fondi.
«Ogni sezione ha un suo consiglio ed è indipendente nella decisione delle iniziative - prosegue la Delmonte -: il mio auspicio è che ci siano sempre più giovani che conoscono e partecipano alle nostre attività».
Oltre la prevenzione Avoprorit si occupa di raccogliere fondi per sostenere gli studi di giovani medici e per acquistare attrezzature mediche. Alcuni giorni fa è stato donato un nuovo ecografo all’Ospedale di Parma.
Avoprorit opera anche nell’assistenza domiciliare e con la sezione «Accompagnare nel sollievo» è presente in hospice e a domicilio per dare conforto ai malati e alle famiglie di malati neoplastici.
«Desidero che prosegua e migliori al collaborazione con tutte le istituzioni – dice Ivana Delmonte - che riconoscano la passione e l’impegno di tanti medici e volontari».