Sei in Archivio

Sassuolo, colpaccio per la salvezza

06 maggio 2014, 23:20

Sassuolo, colpaccio per la salvezza
Emozioni a non finire nel primo match di un insolito martedì di posticipi per la serie A.
 
Il Sassuolo vince 4-3 a Firenze e fa un grosso passo avanti verso la salvezza. Giuseppe Rossi torna al gol ma non basta alla Fiorentina per completare la rimonta.
 
La Fiorentina, ancora sotto choc per quanto successo sabato e per la sconfitta in finale di Coppa Italia, parte piano mentre il Sassuolo, a caccia di punti pesanti per la salvezza, dimostra fin dalle prime battute di essere più motivato. Rosati, tra i pali per Montella, si esalta su un tiro di Gazzola ma non può nulla quando dal dischetto Berardi trasforma l'1-0 su rigore (concesso per un tocco di mano di Borja Valero che farò discutere). Passano altri dieci minuti e ancora Berardi firma il 2-0, sfruttando in contropiede un assist di Sansone. Il gioiellino neroverde, che aveva di fatto sancito l'esonero di Allegri con un poker al Milan gennaio, completa la sua tripletta prima dell'intervallo, ipotecando la vittoria con un tempo d'anticipo.
 
La Fiorentina, uscita dal campo tra i fischi, non apre la ripresa dando l'impressione di poter rimontare e solo l'inizio del riscaldamento di Giuseppe Rossi rianima il Franchi. Prima di Pepito entra in campo però Joaquin che si guadagna subito il rigore dell'1-3, segnato con freddezza dal difensore-goleador Rodriguez. Il Sassuolo però non trema, sfiora il poker con Zaza e poi lo trova subito dopo con Sansone, che rimette tre gol di distanza tra le due squadre. Sembra finita, ma Rossi entra in campo e praticamente al primo pallone utile triangola con Borja Valero prima di tornare al gol, spiazzando Pegolo. Ad infiammare l'ultimo quarto d'ora ci pensa poi Cuadrado col tocco sotto che vale il 3-4. Si accende anche una rissa quando i giocatori del Sassuolo iniziano a perdere tempo ma dopo l'annullamento per fuorigioco del pareggio di Borja Valero la squadra di Di Francesco può festeggiare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA