Sei in Archivio

BARI

Fotografo ucciso a Bari: sentenza,figlio voleva casa e soldi

'Delitto fu organizzato per risolvere ogni problema'

07 maggio 2014, 21:49

(ANSA) - BARI, 7 MAG - Nicola Scanni uccise il padre Mario per ''risolvere tutti i suo problemi''. L'omicidio - è scritto nella sentenza della Corte d'assise d'appello che ha condannato l'uomo a 30 anni ribaltando l'assoluzione di primo grado - ha consentito all'imputato di risolvere i problemi di convivenza che si erano creati tra la sua compagna e il padre, e gli ha anche ''garantito la possibilità di continuare a vivere in casa'' del genitore, di entrare in possesso dei 45mila euro e del laboratorio fotografico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA