Sei in Archivio

ROMA

Cassazione condanna datore a risarcire morte da'superlavoro'

Non può ignorare ritmi sostenuti per adempiere obiettivi

08 maggio 2014, 20:19

(ANSA) - ROMA, 8 MAG - Lavorava senza tregua pur di raggiungere gli obiettivi che il datore di lavoro, una grossa società di tlc, gli aveva assegnato. Stefano S. non si era mai lamentato. Ma un carico di undici ore di lavoro al giorno lo ha portato all' infarto. Per la Cassazione una morte del genere deve essere risarcita dal datore che non può ignorare "le modalità attraverso le quali ciascun dipendente svolge il proprio lavoro". Più di 800mila euro a moglie e figlia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA