Sei in Archivio

Salsomaggiore

Raccolta differenziata, parte la seconda serie di controlli

Le sanzioni per chi non segue le regole verranno applicate dopo un terzo esame. Inviate le notifiche ai "trasgressori" individuati nel primo round di verifiche

di Silvana Loreni -

08 maggio 2014, 20:33

Raccolta differenziata, parte la seconda serie di controlli

Al via il secondo «giro» di controlli per verificare il corretto conferimento dei rifiuti nella raccolta differenziata.
Le notifiche
Sempre in questi giorni inoltre sono partite anche le notifiche a coloro che (erano stati circa una quarantina), nella precedente campagna di controlli, avevano conferito i rifiuti in modo non corretto per due volte consecutive.
L'obiettivo
Dopo la terza verifica, invece, per chi «sbaglierà» ancora partirà la sanzione. I controlli, come si ricorderà, sono partiti a gennaio, a scaglioni, sia in città che nel forese, con l’obiettivo, come più volte ribadito dall’amministrazione, di sensibilizzare i cittadini alla cultura del corretto conferimento dei rifiuti.
I risultati
Controlli che stanno già dando i primi risultati positivi. Infatti, come emerge dai dati forniti dal Comune relativi al primo trimestre 2014, vi è un aumento della differenziata nel suo complesso e una diminuzione invece della raccolta dei rifiuti indifferenziati.
I dati
La differenziata è passata dal 52% del primo trimestre 2013, al 56,6% del primo trimestre 2014; gli indifferenziati invece sono diminuiti del 10%: se questo andamento dovesse essere confermato anche nei prossimi mesi, come fanno notare dal Comune, si potrebbe raggiungere l’obiettivo prefissato del 65% di raccolta differenziata, con conseguenti risparmi sulla spesa e quindi sulla tassa rifiuti.
Le frazioni
Per quanto riguarda la raccolta dell’organico, dal 2 febbraio questa non viene più svolta nelle frazioni. Le utenze interessate sono circa 1.600, e di queste 413 hanno chiesto lo sgravio fiscale dichiarando di effettuare il compostaggio domestico.
Le attese
Come si fa notare dal Comune, ci si aspettava una diminuzione del conferimento dell’organico, che invece è aumentato del 7%. Ciò significa, si spiega, che l’organico che non si è raccolto nel forese, è stato ampiamente compensato da un miglior conferimento in città. A fronte di questi primi incoraggianti risultati, l’invito dal Comune ai cittadine è quello di proseguire su questa strada che porta a vantaggi ambientali ed economici alla comunità.