Sei in Archivio

PRESENTAZIONE

Manici: «Noi ci siamo per cambiare Lesignano

di Matteo Ferzini -

10 maggio 2014, 20:16

Manici: «Noi ci siamo per cambiare Lesignano

LESIGNANO
La lista civica «Per Lesignano, noi ci siamo», guidata dal candidato sindaco Matteo Manici, si è presentata ai cittadini nella sala civica comunale: una serata molto frequentata in cui il gruppo ha avuto modo di proporre i punti principali del programma e di intervento in caso di elezione. «Ci presentiamo come soggetto nuovo per Lesignano ma, allo stesso tempo, rappresentiamo il compattamento di una minoranza da anni all’opposizione dell’attuale amministrazione», esordisce Matteo Manici, infermiere e docente universitario all’Azienda ospedaliero-universitaria di Parma: da tre anni residente a Santa Maria del Piano ma originario di Tizzano, dove negli ultimi cinque anni è stato assessore al Welfare. Con lui, corrono con il simbolo di «Per Lesignano, noi ci siamo» Francesco Agnetti, Luigi Albano, Luca Amadasi, Alessandra Bacchi, Andrea Calzetti, Claudio Canali, Massimo Cazzini, Laura Ceresini, Davide Comelli, Luana Giusti, Alessandra Terzi e Donatella Ucci.
«Nel nostro programma è vitale il concetto del lavorare insieme, di “esserci per il paese”, fornendo la nostra esperienza e capacità per il cambiamento che siamo convinti sia possibile - spiega Manici -. Noi ci siamo per l’Unione dei Comuni dell’Appennino Parma Est, che comprenda tutti gli otto comuni da Lesignano a Monchio a cui trasferire in primo luogo la funzione dei servizi sociali, così da garantire ai cittadini equità di accesso ai servizi. Ci siamo per la scuola, a cui vogliamo garantire sicurezza, funzionalità e vivibilità in un’ottica di programmazione per il futuro e non di emergenza per l’attuale aumento demografico di bambini e ragazzi. Ci siamo per la sicurezza, tanto della viabilità di strada Argini, su cui è necessario un maggiore controllo delle forze dell’ordine, quanto per la creazione di un sistema di videosorveglianza contro i furti, e per l’accesso ai defibrillatori nei luoghi pubblici, per cui ci stiamo già impegnando. Ci siamo per la valorizzazione delle nostre specialità agroalimentari, per cui puntiamo all’istituzione di un marchio ambientale di territorio». «Una coalizione - spiegano i candidati -, che superando la logica dei partiti unisce persone con idee diverse da chi ha governato finora, e chiede ai cittadini il “coraggio di cambiare”»: un cambiamento, secondo Manici, già iniziato negli altri comuni della montagna e che anche Lesignano può affrontare con i numeri e le forze a sua disposizione.