Sei in Archivio

Bedonia

Berni: "Crescere insieme per completare il progetto"

A Bedonia, con il sindaco uscente anche cinque donne

11 maggio 2014, 17:50

Berni:

«Crescere insieme nel segno della continuità ma con uno spiccato segnale di rinnovamento». Con questo slogan Carlo Berni ha presentato la sua squadra e il programma della lista civica «Crescere insieme». L'incontro si è svolto giovedì sera nel salone affollatissimo del bar Lucia, nel cuore di Bedonia. Una squadra rinnovata al 40% rispetto a quella che ha sostenuto il primo cittadino nell’ormai passata legislatura. Accanto a Berni ancora i fedelissimi Maria Pia Cattaneo, Alessandro Filiberti, Lodovico Molinari, Lino Monteverdi, Giuseppe Oppici, Antonio Roffi e Gianpaolo Serpagli e cinque new entry: Almaro Agazzi, Patrizia Brignole, Serena Previ, Maria Beatrice Rossi e Simona Agazzi. Berni ha lasciato grande spazio alle quote rosa: cinque le donne in lista di cui quattro alla prima esperienza politica amministrativa. Con una certa emozione i candidati a turno si sono presentati e hanno espresso le loro proposte ad un pubblico attento e che spesso ha applaudito ai vari passaggi. Infine il candidato sindaco Carlo Berni ha illustrato il lavoro fatto dal 1999 ad oggi ed ha poi brevemente illustrato il programma della sua lista. Una fitta serie di impegni: dal commercio, all’agricoltura, dai servizi alle infrastrutture, dalle associazioni alla sanità, al turismo alla cultura, allo sport. Un programma responsabile che non ha trascurato nessun settore di Bedonia e delle frazioni. «Il rinnovamento avvenuto cinque anni fa ha portato un nuovo modo di fare amministrazione che si è concretizzato grazie ad un gruppo sempre unito e coeso - ha spiegato Berni -. Una formazione, quella di “Crescere insieme”, che rappresenta la continuità di un progetto di sviluppo già avviato e, che grazie alle new entry, si è notevolmente rafforzato. Un gruppo che lavorerà e si impegnerà per il bene di Bedonia e delle sue tante frazioni. Soprattutto per questo ho deciso di scendere in campo e dare il mio contributo per altri cinque anni».