Sei in Archivio

FONTEVIVO

Ponte Taro, la nuova palestra nel ricordo di Cristian e Gabriele

di Chiara De Carli -

12 maggio 2014, 19:56

Ponte Taro, la nuova palestra nel ricordo di Cristian e Gabriele

E’ stato affidato a Stella, che frequenta la scuola elementare a Ponte Taro, il taglio del nastro della nuova palestra inaugurata nella frazione fontevivese.
Affiancata dal sindaco Massimiliano Grassi, dalla dirigente scolastica Cristiana Prestianni e da tutti i componenti della giunta comunale, Stella ha così ufficialmente aperto le porte della nuova struttura immersa nel parco del paese, a pochi passi dalla scuola elementare e dal circolo ricreativo.
Spazi per gli sportivi e per i bambini, le due categorie di persone verso le quali avevano più attenzione Cristian Mori e Gabriele Compiani: due giovani, scomparsi prematuramente nel 2008 e nel 2011, rimasti un esempio di vita per tutta la comunità, e ai quali è stata intitolata la palestra.
Grandissima la commozione quando a scoprire la targa sono state Renata Pattacini, mamma di Cristian, e Luciana Pericotti, mamma di Gabriele.
Un lungo applauso ha quindi sottolineato la vicinanza e l’affetto di un intero paese alle due famiglie.
«Abbiamo voluto intitolare questo edificio a due ragazzi giovani – ha detto il sindaco di Fontevivo, Massimiliano Grassi – che hanno lasciato un segno su questa comunità. Purtroppo, un segno molto veloce, ma il ricordo di loro resterà negli amici e nei familiari e, da adesso, un poco anche attraverso questa targa».
Dopo la benedizione dei locali impartita da don Valerio Cagna, c’è stato spazio anche per un apprezzato intermezzo musicale con protagonisti i bambini chje frequentano la scuola elementare.
Guidati dalla maestra Cristina Lambertini, nell’ampio salone che ospita il refettorio, hanno intonato una coinvolgente «Aggiungi un posto a tavola». I tanti presenti hanno quindi approfittato dell’occasione per scoprire i nuovi spazi, consegnati alla comunità dopo una lunga attesa.
«Questa è l’opera più importante che il Comune ha inaugurato a Ponte Taro negli ultimi dieci anni – ha sottolineato Massimiliano Grassi – e probabilmente anche in quelli precedenti. Il paese aveva bisogno di una palestra e c’era la necessità di una mensa per le scuole: ora abbiamo tutto questo. Il percorso che ci ha portato a questo giorno di festa è stato molto sofferto per le difficoltà avute durante il percorso, il rispetto del Patto di Stabilità ci ha spesso ostacolato, rallentando i lavori e impedendoci di finirli in tempi ragionevoli, ma abbiamo tenuto duro e il risultato di oggi ci ripaga dell’attesa. Un risultato per cui dobbiamo ringraziare, oltre a progettisti e costruttori, anche gli assessori Daniele Guareschi e Giuseppe Grazioli che, in questi anni, sono stati impegnati in controlli quasi giornalieri al cantiere».
Al termine della cerimonia si è svolto un brindisi benaugurale, curato dai volontari del Circolo Ricreativo Pontetarese.