Sei in Archivio

RAGAZZOLA

«Più attenzione ai nidi per ripopolare il paese»

La Capelli: «Proponiamo anche sgravi fiscali per le giovani coppie che si vogliano trasferire»

14 maggio 2014, 14:04

«Più attenzione ai nidi per ripopolare il paese»

La lista civica “Roccabianca!” del candidato sindaco Anita Capelli si è presentata ufficialmente a Ragazzola.
Nell'occasione, il gruppo ha illustrato i principali punti del programma elettorale.
«La nostra squadra, composta soprattutto di giovani (l’età media è di 38 anni) riunisce le competenze di ognuno di noi in campi specifici, con la nostra esperienza unita ad una visione nuova della gestione amministrativa» ha spiegato la Capelli. «Abbiamo stilato un programma - ha aggiunto - che sia prima di tutto fattibile e che valorizzi al massimo le grandi potenzialità del nostro paese, con le sue bellezze naturali, artistiche, culturali, i suoi prodotti tipici e la bellezza della sua gente che ha un senso profondo di comunità».
Favorire il ripopolamento di Roccabianca sostenendo le giovani coppie che vogliano risiedere qui attraverso sgravi fiscali, promuovere la creazione di micronidi domiciliari e incrementare il numero di posti di nido in convenzione sono tra i punti fondamentali del programma che mira ad evitare «il declino del paese, inevitabile in un futuro senza giovani».
Anche la salvaguardia dell’ambiente e del territorio fa parte della presa d’impegno della squadra di Anita Capelli: nel programma si parla della riqualificazione della Cava dei Francesi, della “rivitalizzazione” del porto di Stagno (con giochi, area feste e zona camper) e dell’urgenza di arrivare al ripristino del ponte di Gramignazzo.
Poi un ampio sostegno alla scuola; la stessa Capelli candidata per la poltrona di sindaco è di professione insegnante e prevede la scelta di prendere l’aspettativa in caso di vittoria in modo da potersi dedicare a tempo pieno al ruolo amministrativo.
Tra gli altri punti del programma anche l’apertura di un ambulatorio medico unico con infermiere e l’attivazione di un centro diurno per gli anziani. «Per la promozione del nostro paese attraverso il lavoro - ha concluso - ci prefiggiamo inoltre di incentivare l’imprenditorialità, l’insediamento di attività artigianali virtuose e il sostegno ad un sistema agroalimentare più sensibile ai prodotti locali; diffondere l’abitudine alla fruizione continua dei nostri “contenitori culturali” come il Museo del Mondo Piccolo, il castello, le chiese, e puntare anche alla creazione di una biblioteca comunale».