Sei in Archivio

Economia

Pali Italia, c'è l'accordo 60 esuberi con incentivi e proroga della cigs

Intesa raggiunta nella tarda serata di ieri. Nello stabilimento restano 60 persone

14 maggio 2014, 22:54

Pali Italia, c'è l'accordo 60 esuberi con incentivi  e proroga  della cigs

E' stato raggiunto nella tarda serata di ieri, a Palazzo Giordani, l'accordo che riguarda il piano di riorganizzazione annunciato dalla proprietà della Pali Italia di Pizzolese. Inizialmente gli esuberi richiesti erano 72. «L'intesa siglata dopo una lunga trattativa ne prevede un numero massimo di 60 sotto il profilo della volontarietà - è stato reso noto al termine del confronto - con un incentivo all'esodo se la volontarietà verrà manifestata entro il 31 maggio».
Nello stabilimento parmigiano di Pali Italia resteranno dunque circa sessanta dipendenti. Intanto dal 19 maggio si procederà con un'ulteriore istanza per altri 6 mesi di cassa integrazione straordinaria, che permetterà di gestire gli esuberi fino a novembre. Sempre nell'accordo è prevista anche l'ipotesi, per esigenze produttive, del trasferimento di alcuni dipendenti nello stabilimento di Anagni, in presenza di fungibilità delle mansioni: una soluzione che potrebbe riguardare due o tre dipendenti.
Il confronto è giunta al termine dopo l'ennesimo incontro fiume tra i rappresentanti dell'azienda, i sindacati e il referente dei servizi di Formazione professionale e Lavoro della Provincia Gabriele Marzano e questo dopo che l'8 maggio era stato raggiunto un altro accordo riguardo alla proroga della cassa integrazione e alla riduzione del numero degli esuberi.
I lavoratori , in attesa dell'esito del confronto avevano sospeso la mobilitazione, dopo mesi di iniziative: una protesta che era arrivata davanti alle sedi istituzionali «per sensibilizzare i vertici dell'azienda sulle pesanti ricadute sociali del taglio di personale» avevano più volte sottolineato i lavoratori. Dopo l'impegno dell'azienda a trovare una soluzione condivisa, con la proroga della cassa integrazione e la riduzione degli esuberi, i lavoratori hanno così deciso di interrompere lo sciopero a oltranza.r.eco.