Sei in Archivio

Ue

Premio europeo 2014 per la promozione d'impresa: Camere di commercio in finale

“Crescere e competere con il contratto di rete” è uno dei due progetti che rappresenteranno l'Italia

14 maggio 2014, 18:02

Comunicato stampa di Unioncamere Emilia-Romagna 

Un concorso che si rivolge alle iniziative più creative ed efficaci realizzate da enti pubblici e da partenariati pubblico-privati dell’Ue, a sostegno dell’imprenditoria e in particolare delle Pmi

Sono due i progetti che rappresenteranno l’Italia all’ottava edizione dell’European Enterprise Promotion Awards (EEPA 2014), promossa dalla DG Imprese della Commissione Europea.
“Crescere e competere con il contratto di rete” di Unioncamere regionale e Camere di commercio dell’Emilia-Romagna (nella sezione “Sviluppo del contesto imprenditoriale”) e “Mirabilia” della Camera di commercio di Matera capofila di un partenariato di altri nove enti camerali (nella sezione “Sostegno all’internazionalizzazione delle imprese”) sono stati selezionati, con unanimità di giudizio, da una Giuria istituita dal Ministero dello Sviluppo Economico, raggiungendo il massimo punteggio (100/100) sulla base dei rigorosi criteri definiti dalla Commissione Europea.

I Premi europei per la promozione d’impresa rappresentano il riconoscimento dell’eccellenza nella promozione dell’imprenditorialità e delle piccole imprese a livello nazionale, regionale e locale. Dall’inizio del concorso, nel 2006, sono più di 2500 i progetti presentati che, nel loro insieme, hanno sostenuto la creazione più di diecimila nuove imprese.

Questa edizione si inserisce nel Semestre di Presidenza italiana. La Cerimonia di premiazione avverrà nel corso della SME Assembly (Assemblea delle PMI) che si svolgerà a Napoli il 2 e 3 ottobre 2014.

Il Progetto “Crescere e competere con il contratto di rete” nato nell’ambito dell’Accordo di programma tra Unioncamere italiana e Ministero dello Sviluppo Economico su risorse del fondo di perequazione del Sistema camerale, rappresenta un supporto concreto e costante alle PMI sempre più orientate ad avviare o consolidare un imprescindibile processo di collaborazione e aggregazione.

I motori dell’iniziativa sono state le nove Camere di commercio dell’Emilia-Romagna (Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena, Modena, Parma, Piacenza, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini) che in un’ottica di sistema hanno condiviso il progetto con le associazioni di rappresentanza delle imprese e fornito un contributo attivo al percorso di formazione e accompagnamento realizzato da Unioncamere regionale, e rivolto ad imprenditori, funzionari pubblici e bancari, liberi professionisti.

Grazie alle due annualità finora realizzate del progetto, che si avvale del supporto scientifico di Universitas Mercatorum, sono stati coinvolti nella fase info-formativa oltre 1.100 partecipanti, mentre nel percorso di consulenza e di assistenza personalizzato, a carattere operativo, sono state 158 le aziende interessate alla costituzione di una rete d’impresa. Gli effetti portato a predisporre 28 bozze di contratti e a sottoscrivere 12 contratti di rete, con la partecipazione di 50 imprese e la creazione di 3 nuovi posti di lavoro per manager di rete. E’ stata inoltre realizzata la guida “Contratti di rete. Istruzioni per l’uso”.

“Il riconoscimento del Ministero dello Sviluppo Economico – dice il segretario di Unioncamere Emilia-Romagna, Ugo Girardi - conferma la validità e l’efficacia di un progetto che è un esempio di buone pratica, per aver messo in rete le realtà camerali e il mondo associativo per promuovere la cultura e l’aggregazione di impresa”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA