Sei in Archivio

Anniversario

Un dono a Felino per il 150° dell'Unità d'Italia

Vanni Zanichelli ha donato al Comune una sua opera

14 maggio 2014, 17:59

Un dono a Felino per il 150° dell'Unità d'Italia

E’ stata presentata  a Felino l’opera che il felinese Vanni Zanichelli ha donato al Comune in occasione del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia.
A pochi giorni dall’importante ricorrenza del 2 Giugno, il Sindaco di Felino Barbara Lori ha voluto esporre al pubblico il quadro realizzato da Zanichelli che è stato collocato nell’atrio del Municipio a fianco della Sala del Consiglio, luogo rappresentativo dell’attività amministrativa e politica dell’Ente. Riconoscente per il dono fatto al Comune e con grande ammirazione per il senso civico e l’attaccamento ai valori repubblicani dimostrati da Zanichelli, la Lori ha espresso grande apprezzamento per il significativo valore simbolico di quest’opera altamente evocativa che è ora a disposizione di tutti i cittadini e dei futuri amministratori.
Si tratta di un pannello di legno, materiale semplice e di uso quotidiano, sul quale Zanichelli ha richiamato con parole e colori i valori dell’Unità d’Italia, ispirandosi anche all’inno di Mameli.
Come ha spiegato lo stesso Zanichelli, "dopo aver assorbito lo spirito delle celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, ho pensato di rivitalizzare un pannello casualmente trovato sul mio percorso, destinato allo smaltimento, e di rappresentarvi sopra quel grande evento che è all’origine della nostra storia nonché rievocare i sacrifici e le tribolazioni dei nostri avi". Artista del legno da oltre 50 anni, Zanichelli realizza oggetti di vario uso e genere. L’opera esposta in Comune a Felino rappresenta però il suo primo lavoro di tipo civico e pubblico. "Non considero questo manufatto un’opera d’arte ma piuttosto un oggetto artigianale pensato per mantenere viva la memoria di un momento storico e culturale molto importante, con semplici richiami e parole comprensibili a tutti", ha affermato Zanichelli.
"L’intenzione – continua Zanichelli - è stata quella di evocare un percorso storico che merita rispetto e che, nella sua evoluzione, è arrivato purtroppo oggi a un momento di grave crisi economica e di degrado morale, etico e civico che caratterizza la nostra società attuale".
Nonostante le difficoltà di questi anni, Zanichelli non perde l’ottimismo: "con l’intraprendenza e la speranza di cui tutti siamo titolari, possiamo anche leggere questa crisi come il passaggio tra due epoche di benessere".