Sei in Archivio

trail running

«Strafuso», in 300 su e giù per sentieri e pendii

Da Scurano fino alla cima del monte, lungo il parco: 19 chilometri in mezzo alla natura. Fabio Pinelli e Lara Mustat i vincitori

di Matteo Ferzini -

15 maggio 2014, 09:16

«Strafuso», in 300 su e giù per sentieri e pendii

Arrivata alla sua sesta edizione, la corsa «Strafuso Trail Running» a Scurano è ormai diventata un appuntamento immancabile per amanti della corsa su sentieri di tutta la provincia di Parma ed oltre: oltre trecento persone si sono riunite ieri presso l’ex-consorzio del paese, ora sede della Pro-loco Scurano, per partecipare alla corsa agonistica vera e propria o alla camminata non competitiva organizzata come di consueto contestualmente alla gara.
Duecentotrenta corridori ieri mattina hanno affrontato il percorso, quest’anno esteso ulteriormente rispetto alle scorse edizioni fino a 19 chilometri, che dal centro di Scurano si è esteso lungo tutta la valle che racchiude il paese: prima tappa il lago che chiude l’abitato sul fondo della valle, fino a risalire lungo sentieri e pendii fino alla cime del monte Fuso, 1117 metri sul livello del mare, per poi ridiscendere affiancando il parco faunistico del monte Fuso sul versante opposto del monte Lavacchio, fino al ritorno al punto di partenza.
Circa 80 persone hanno invece scelto di percorrere il tragitto non competitivo, sette chilometri intorno al paese senza risalire il Fuso, e per il divertimento di trenta tra bambini e ragazzini si è invece svolta contestualmente uno speciale “Mini trail”.
Ad organizzare anche quest’anno la gara, valida per il Circuito provinciale Trail running Parma, l’Asd Appennino Freemind, insieme alla Pro-loco di Scurano e in collaborazione con Uisp Parma, e col patrocinio di Provincia, Comunità montana Appennino Parma Est e Comune di Neviano Arduini. Importanti per la realizzazione dell’evento, la sponsorizzazione del Consorzio del Parmigiano Reggiano, Parma Sport, Errea, Liberi Spazi, Da chi corre per chi corre, Zarotti e Barilla; fondamentale anche la collaborazione di altre attività associative del paese, Croce Rossa di Scurano e Squadra di caccia al cinghiale Monte Fuso, che hanno garantito lungo tutto il percorso il servizio di soccorso d’emergenza e di segnalazione dei sentieri e lungo i tratti sull’asfalto toccati dalla gara.
Al termine della mattinata e prima di riunirsi per il pranzo organizzato dalla Pro-loco, si sono svolte le premiazioni dei vincitori per le categorie maschile e femminile: primo della classifica maschile e vincitore assoluto della gara Fabio Pinelli, seguito da Gianluca Cola e Nicola Pizzorni; si è invece aggiudicata il primo posto femminile Lara Mustat, mentre il secondo posto è andato a Bianca Andreoli e il terzo a Francesca Bertolini. Un riconoscimento da parte degli organizzatori è stato assegnato anche al concorrente più anziano, Dante Gatti, classe 1948, ed al più giovane, la ventiduenne Annalisa Schianchi.