Sei in Archivio

motori

Kia Sportage, anche il Gpl è a iniezione diretta

Il best seller coreano si rifà il trucco. A due o quattro ruote motrici. E 2.500 euro di sconto al lancio

di Lorenzo Centenari -

15 maggio 2014, 09:26

Kia Sportage, anche il Gpl è a iniezione diretta

CHERASCO (Cuneo) - Suv che vince non si cambia. Al massimo, si convince a cambiare regime alimentare. Perché è proprio a chi gode di maggior visibilità che la società chiede di dare il buon esempio: sotto, allora, col «pieno» di Gpl. Dici Sportage, dici Kia. Almeno in Italia, mercato dove in 18 anni di servizio il crossover coreano ha conquistato 65.488 appassionati, arrivando ad occupare la seconda posizione tra gli sport utility di stazza media dietro il Qashqai.
A quattro anni dal lancio dell’ultima edizione (la terza), Sportage visita l’estetista ma la risolve con una seduta leggera, dal risultato misurabile solo da occhio attento. Il frontale acquista un’accattivante griglia tridimensionale a nido d’ape, i cerchi cambiano di disegno, il posteriore infine si equipaggia di luci a Led e di antennina «shark fit» all’estremità del tettuccio. Nulla, insomma, che possa scalfirne il sex appeal, anzi: i fari a diodi luminosi, in particolare, hanno il potere di ringiovanire l’intero «lato B». Di fioretto si è lavorato anche all’interno, dove le novità riguardano soprattutto l’impiego esteso di materiali soft-touch (plancia, parte superiore dei pannelli porta).
Limitatamente alla versione top di gamma (Class), debutta inoltre una nuova selleria in pelle. Inedito anche il cruscotto Supervision Cluster, dove trova alloggio un display TFT da 4,2” che agevola la lettura degli strumenti. Mentre al centro della consolle uno schermo «touch» LCD da 4,3”, oltre a proiettare le immagini trasmesse dalla telecamera posteriore, è interfaccia delle innumerevoli funzioni previste dal Kia Media Box.
Quanto alla dinamica, Sportage 2014 beneficia di modifiche alle sospensioni che ne incrementano comfort ed handling. Nuova anche la barra antirollio che riduce la tendenza al sottosterzo. Della rosa motori merita quindi una citazione a parte la versione EcoGpl+, variante ecologica che completa l’offerta del benzina tradizionale (1.6 GDI) e dei turbodiesel (1.7 CRDi, 2.0 CRDi). Valore aggiunto della Sportage ad alimentazione mista è la tecnologia LDI (LPG Direct Injection): proprio così, per la prima volta anche il gas di petrolio liquefatto viene iniettato direttamente in ciascun cilindro dai singoli iniettori. Allo stato liquido, esattamente come avviene per la benzina. Lunga la lista dei vantaggi: possibilità di avviare il motore direttamente a Gpl (con conseguente risparmio di benzina), drastica riduzione delle emissioni di particolato e di CO2 (-10% circa), eliminazione delle emissioni residue di gas allo scarico. D’altra parte, Kia in materia di Gpl non prende lezioni da nessuno: quasi ogni modello della gamma prevede a listino una variante bi-fuel di seconda omologazione (Fase 2), mentre la partnership di lunga data con BRC Gas Equipment è garanzia di soluzioni sempre all’avanguardia. Delle 11mila unità che Kia Italia ha in mente di vendere su scala annuale, oltre il 10% (1.500) dovrebbe adottare proprio l’impianto a gas.
Senz’altro maggiore sarà la quota di Sportage a due ruote motrici: ormai, il segmento C-Suv vende una 4x4 solo in un caso su tre. Prezzi a partire da 20.250 euro (1.6 GDI Active), ma al lancio - già in corso - Kia offre 2.500 euro di sconto.