Sei in Archivio

VOLANTI

Litiga con la fidanzata . Si sfoga con le auto in sosta

15 maggio 2014, 09:20

Litiga con la fidanzata . Si sfoga con le auto in sosta

C'è chi l'amore lo preferisce litigarello. E chi invece al primo bisticcio con la fidanzata perde la testa e si butta giù. E magari per la tristezza finisce per fare qualche sciocchezza. Evidentemente appartiene alla seconda categoria quel giovane parmigiano, un ventinovenne incensurato, che l'altro ieri è stato notato da alcuni passanti manifestare tutto la propria amarezza per la discussione con la fidanzata. E peccato che per farlo però si sia accanito sugli specchietti delle auto parcheggiate nella zona compresa tra viale Maria Luigia, via Gorizia e il Ponte Caprazucca.
A notare il passaggio del vandalo, come detto, alcuni residenti che hanno visto il giovane accanirsi su uno specchietto. E si sono fermati per capire cosa stesse succedendo. Poco dopo una seconda vettura è stata presa di mira: e i testimoni hanno capito che era assolutamente il caso di fare qualcosa e in tutta fretta. Così, senza farsi troppo notare, hanno chiamato il 113 e richiesto l'invio di una pattuglia delle volanti.
Ma per quanto tempestivo l'equipaggio non ha avuto praticamente il tempo di arrivare. Il giovane infatti, ormai scatenato, si è accanito su altre quattro vetture. Prima di infilarsi in una casa dove però è stato seguito dai testimoni che hanno passato la notizia agli agenti.
I poliziotti allora, sulla base delle indicazioni avute, lo hanno rintracciato e interrogato. Per lui è stato impossibile negare l'accaduto visto che è stato trovato in possesso di uno specchio di una auto Bmw che aveva appena divelto. Ma se non poteva negare ha provato a spiegare: motivando i danni alle auto come appunto solo uno sfogo per il litigio con la ragazza. Inutile dire che come spiegazione è servita a poco: e per lui è scattata una denuncia per danneggiamenti aggravati. La stessa accusa che ha rimediato un tunisino quarantaquattrenne che è stato pizzicato sempre dagli uomini delle volanti mentre prendeva a calci una Panda di proprietà della Provincia parcheggiata in piazzale Caduti del Lavoro. Il motivo? Sconosciuto. O meglio forse imputabile alla lunga serie di bicchieri di birra che l'uomo si era scolato. Agli agenti infatti lo straniero è apparso completamente ubriaco ed è stato accompagnato in borgo della Posta dove gli è stato contestato il danneggiamento. lu.pe.