Sei in Archivio

pellegrino

Marosi: «Maggiore attenzione al sociale»

Il candidato per «L'ideazione»: «Va creato uno Sportello amico per le esigenze dei cittadini»

15 maggio 2014, 09:23

Marosi: «Maggiore attenzione al sociale»

«Maggiore attenzione al sociale». E’ la promessa di Matteo Marosi, candidato sindaco della lista civica «L’ideazione» di Pellegrino.

Equilibrio «Uno degli aspetti che maggiormente dovrebbe interessare la futura amministrazione è quello del sociale inteso come equilibrio costante nel tempo tra le esigenze reali dei singoli cittadini, in particolare delle fasce più deboli, e dell’amministrazione - sottolinea Marosi -. Essendo il territorio di Pellegrino molto vasto ma non altrettanto popolato bisogna monitorare costantemente la situazione per garantire un aiuto concreto volto a migliorare la qualità della vita e lo svolgimento delle mansioni quotidiane cercando di non incidere sulle diverse situazioni economica».
Marosi indica ad esempio la creazione di uno «Sportello amico» per raccogliere le varie esigenze gettando le basi per un servizio di «taxi sociale» per gli anziani che sono impossibilitati ad effettuare visite mediche, esami diagnostici e cure di vario genere, che potrebbe farsi carico di consegnare anche generi alimentari in particolari momenti di impossibilità per gli utenti.

Orti sociali «Considerata la vocazione agricola di un paese come Pellegrino - prosegue Marosi -, l’amministrazione potrebbe creare gli “Orti sociali” dotati di acqua potabile dove gli anziani potrebbero dare suggerimenti ai più giovani sulle diverse coltivazioni».
Poi conclude: «Gli stessi “Orti sociali” diventerebbero un laboratorio didattico per bambini dove riappropriarsi di un giusto rapporto con la natura, rispettando l’ambiente, il naturale ciclo delle stagioni ed imparando il senso civico del riuso e del riciclo. I prodotti coltivati potrebbero dare vita alla costituzione di un Gruppo di acquisto solidale o, in accordo con le diverse associazioni di categoria, di un mercato a tema all’interno dell’orto stesso». M. L.