Sei in Archivio

collecchio

Bianchi: «Riqualificare le ex aree produttive»

«Collecchio democratica»: rilanciare la frazione

di Gian Carlo Zanacca -

16 maggio 2014, 19:59

Bianchi: «Riqualificare le ex aree produttive»

Paolo Bianchi, primo cittadino uscente e candidato sindaco per la lista di «Collecchio democratica», assieme agli ozzanesi candidati in consiglio comunale, Virna Graiani e Aldo Facchinelli, ha presentato il programma della lista nella frazione di Ozzano Taro, in vista delle amministrative di domenica 25 maggio.
Virna Graiani si è soffermata sull’importanza del ruolo delle frazioni e dei loro rappresentanti in consiglio comunale con particolare riguardo ai temi che della viabilità, dello sviluppo urbanistico e dei luoghi di incontro e socializzazione. «Le frazioni - ha detto - devono, quindi, dare un loro contributo».
La stessa Graiani si è soffermata sul tema della non autosufficienza degli anziani e le modalità con cui poter intervenire al meglio in futuro e sul ruolo dei giovani e le loro potenzialità.
Sicurezza Il sindaco uscente, Paolo Bianchi, ha fatto riferimento al prossimo sviluppo urbanistico della frazione ed al tema della sicurezza. «Il futuro sviluppo urbanistico di Ozzano Taro - ha spiegato Bianchi - è legato alla riqualificazione di ex aree produttive come l’ex caseificio Rodolfi e l’Alfa derivati».
Il tema della difesa idrogeologica di Ozzano Taro «non è banale - ha sottolineato Bianchi - ragioneremo, in materia di sicurezza idrogeologica, per portare a termine un progetto che coinvolge strada Folli».
In merito alle misure volte a contrastare i furti in abitazioni, Bianchi ha rilevato che Ozzano Taro ha sofferto, con Madregolo, più di ogni altra zona del comune, di questo problema. «Maggiore sicurezza potrà essere garantita - ha concluso - tramite il potenziamento del numero di agenti della polizia municipale dell’Unione pedemontana parmense, la videosorveglianza e l’ausilio di guardie giurate, ma soprattutto tramite la formazione dei cittadini attraverso la creazione di una vera e propria rete di vicinato. Questo per fare in modo che i cittadini osservino i movimenti strani che possono avvenire in paese e li segnalino tempestivamente alle forze dell’ordine».
Necessità Aldo Facchinelli, presidente del consiglio comunale uscente, ha fatto riferimento all’importanza della «continuità in ambito amministrativo». Gli stessi candidati hanno poi rimarcato la necessità da parte del Comune di fare la propria parte per garantire servizi di qualità a partire da un sistema scolastico adeguato alle necessità degli alunni, per arrivare all’attenzione posta ai servizi alla persona: minori, disabili e anziani, senza naturalmente dimenticare i giovani.