Sei in Archivio

fidenza

I candidati sindaco all'esame dei giovani

I programmi delle diverse liste illustrati in un incontro organizzato dall'agesci

16 maggio 2014, 20:02

I candidati sindaco all'esame dei giovani

L’Agesci (Associazione guide e scout cattolici italiani) ha promosso, nella sala conferenze di San Michele, un incontro con i candidati sindaci, rivolto in particolare ai giovani. Moderato da Michele Medioli, l’incontro ha permesso di sottoporre ai candidati una decina di domande formulate dai giovani della città, con sette minuti di tempo per rispondere ai vari quesiti. Assente giustificato Franco Nardella della civica Insieme per Fidenza: al suo posto c’era il candidato consigliere Cristiano Macchia che ha proposto alcuni punti del programma, tra i quali la valorizzazione di aree e terreni incolti, l’affitto agevolato dei locali sfitti, una casa della cultura nell’ex forno comunale. Prima di lui sono intervenute Francesca Gambarini (FI, FdI, Lega, Identità e Valori) e Giovanna Galli (lista civica PrimaVera fidentina). «All’esperienza di Agesci - ha ricordato la prima - mi unisce l’adesione alla scelta cristiana. E’ anche per questo che non possiamo accettare gli sprechi, sia che riguardino l’amministrazione comunale che l’utilizzo del suolo. Ridurre la cementificazione programmata, la spesa pubblica ed eliminare gli sprechi è il primo impegno per dare prospettive alle generazioni future». La Galli ha affermato: «Non è accettabile sentir parlare di giovani rassegnati. Rassegnarsi vuol dire fare il gioco di chi vuol la gente lontana dalla politica. I giovani non hanno colpe e per questo sono corteggiati da tutti, ma devono stare attenti a non farsi incastrare per diventare una bella facciata paravento di giochi di potere».
Nel suo intervento, Andrea Massari (Pd, Fidenza Davvero, Fidenza a Sinistra) ha sottolineato: «Abbiamo proposto l’inserimento del Duomo nel patrimonio Unesco perché Fidenza è sempre stata una città europea. Ripartiamo dal lavoro con l’innovazione e la riqualificazione, come alla ex Carbochimica, dove lanceremo un progetto sperimentale e una no tax area unici in Italia». Gabriele Rigoni (liste civiche Con Fidenza e Noi per Fidenza) ha parlato della sua esperienza professionale di manager della Giotti (ex Lockwoods) proponendo nuove collaborazioni tra scuole e imprese per favorire i giovani. Angela Amoruso (Movimento 5 Stelle) ha puntato l’attenzione, tra i vari temi, sulla «democrazia partecipata», proponendo la creazione di uno sportello che metta in contatto imprese e giovani e promettendo una miglior gestione dei rifiuti. G.N.

© RIPRODUZIONE RISERVATA